Insalata in busta già lavata, i produttori: ecco perché è igienicamente sicura

Insalata in busta già lavata, i produttori: ecco perché è igienicamente sicura
2 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Febbraio 2019, 18:02

Sono prima passate in due vasche a ricambio continuo di acqua potabile e lavate con sistemi tecnologici avanzati, poi vengono asciugate. In casa non potremmo fare di meglio, a meno di non utilizzare sempre amuchina e prodotti del genere. Mangiare le foglie di insalata, passandole direttamente dalle buste con la dicitura "lavate e pronte al consumo"  al piatto, è igienicamente sicuro. Probabilmente molto di più del "fai da te". Tra l'altro è preferibile evitare di ripassare l'insalata sotto l'acqua corrente del rubinetto di casa, se non si è sicuri che si tratti di acqua potabile. E in ogni caso non ce n'è bisogno. Se i produttori rispettano in pieno la normativa, possiamo fidarci. Lo assicura Unione Italiana Food.  

La sicurezza dei prodotti di quarta gamma, sottolinea l'associazione, è garantita dai numerosi controlli che vengono effettuati lungo tutta la filiera produttiva e che i tempi che intercorrono tra la raccolta, la lavorazione e la vendita sono molto brevi affinché venga garantita la freschezza del prodotto. La qualità e la sicurezza dal punto di vista igienico degli ortofrutticoli di quarta gamma vengono preservate attraverso lavaggio e asciugatura accurati. Il lavaggio, per il quale la normativa nazionale prevede almeno due vasche a ricambio continuo di acqua, avviene con acqua potabile e attraverso sistemi tecnologici avanzati che - a differenza del lavaggio domestico - garantiscono un prodotto sicuro e conforme a legge. È per questo motivo che il ministero della Salute consente di commercializzare il prodotto come «lavato e pronto al consumo».

La normativa: dall'agosto 2015, in seguito all'emanazione del Decreto Ministeriale attuativo della legge 77/2011, sono entrate in vigore sul territorio italiano le nuove regole in materia di produzione, confezionamento e commercializzazione della cosiddetta 'quarta gammà, ovvero le verdure e gli ortofrutticoli freschi che, dopo la raccolta, sono sottoposti a processi tecnologici di minima entità finalizzati a garantirne la sicurezza igienica e la valorizzazione, seguendo le buone pratiche di lavorazione. La normativa detta una serie di parametri vincolanti sulla sicurezza alimentare e sulla qualità che devono essere rispettati nel ciclo produttivo e nella distribuzione dei prodotti di quarta gamma. Dal 13 agosto 2015, ad esempio, è scattato l'obbligo per tutti i produttori e per la distribuzione di garantire il rispetto della catena del freddo a una temperatura uniforme e costantemente inferiore agli 8°C lungo tutto il percorso che va dalle linee di confezionamento ai banchi refrigerati dei punti vendita. Insomma è la catena del freddo l'unico vero conservante a tutela di freschezza e qualità.
  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA