In rosso i mercati europei, verso un calo mensile del 3%

In rosso i mercati europei, verso un calo mensile del 3%
2 Minuti di Lettura
Martedì 30 Novembre 2021, 11:30

(Teleborsa) - Si muove in territorio decisamente negativo Piazza Affari. Stesso andamento al ribasso anche per le principali Borse europee. L'azionario del Vecchio Continente si avvia a terminare il mese in ribasso del 3% sulle dichiarazioni del CEO di Moderna in merito all'efficacia dei vaccini contro la variante Omicron. Sul fronte macroeconomico, continua a correre l'inflazione italiana: a novembre si attesta sui massimi in 13 anni; il PIL del 3° trimestre è stato rivisto dall'Istat al +2,6% t/t e +3,9% a/a.

L'Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,67%. L'Oro mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,67%. Giornata da dimenticare per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 68,31 dollari per barile, con un ribasso del 2,34%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +129 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,91%.

Tra i listini europei vendite su Francoforte, che registra un ribasso dell'1,27%, seduta negativa per Londra, che mostra una perdita dell'1,29%, e sotto pressione Parigi, che accusa un calo dell'1,26%.

Giornata nera per la Borsa di Milano, che affonda con una discesa dell'1,61%; sulla stessa linea, viene venduto parecchio il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 28.084 punti.

Variazioni negative per il FTSE Italia Mid Cap (-1,5%); come pure, in ribasso il FTSE Italia Star (-0,96%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, incandescente DiaSorin, che vanta un incisivo incremento del 3,54%.

Piccoli passi in avanti per Recordati, che segna un incremento marginale dello 0,58%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Stellantis, che prosegue le contrattazioni a -3,47%.

Vendite a piene mani su Leonardo, che soffre un decremento del 3,31%.

Scivola CNH Industrial, con un netto svantaggio del 3,04%.

Pessima performance per Banca Mediolanum, che registra un ribasso del 2,98%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, GVS (+1,18%), Brembo (+0,96%) e B.F (+0,57%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su De' Longhi, che ottiene -4,88%.

Sessione nera per Ferragamo, che lascia sul tappeto una perdita del 4,45%.

In caduta libera Autogrill, che affonda del 4,27%.

Pesante Webuild, che segna una discesa di ben -3,65 punti percentuali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA