Imprese, Welfare aziendale: accordo UBI Banca-Confederazione Nazionale UAI

Mercoledì 26 Febbraio 2020
(Teleborsa) - Competitività delle aziende e benessere dei lavoratori formula vincente per ridare slancio all'economia e guardare al futuro. Aiutare e supportare le imprese che vogliono adottare il welfare aziendale per favorire il benessere dei lavoratori in un'ottica di crescita del sistema produttivo locale: con questo obiettivo la Confederazione Nazionale Sindacale UAI - Unione Artigiani Italiani e delle PMI e UBI Banca hanno siglato a Roma un accordo per promuovere, tra le imprese associate e i loro dipendenti, la possibilità di introdurre al proprio interno un piano innovativo di welfare aziendale.

"La collaborazione - si legge nella nota ufficiale - è rivolta a implementare sul territorio la cultura del welfare aziendale
come elemento di competitività delle imprese: l'Unione Artigiani Italiani e delle PMI ha scelto infatti la soluzione UBI Welfare Network da sottoporre a tutti gli associati che intendono aderire a piani di welfare. Oltre che una soluzione di welfare aziendale
all'avanguardia, tutti i dipendenti delle aziende che entreranno a far parte del network potranno beneficiare su base volontaria del convenzionamento con UBI Banca di prodotti e servizi bancari a condizioni vantaggiose".

"La partnership con la Confederazione Nazionale UAI si propone ancora una volta di sostenere l'economia dei territori, la competitività delle aziende e il benessere dei lavoratori e delle loro famiglie" – ha dichiarato Maria Angela Albertotti, Responsabile Area Welfare e Protezione di UBI Banca.

"Con questo accordo – affermano congiuntamente Gabriele Tullio, Presidente di UAI e Giuseppe Zannetti, Dirigente Generale di UAI – la nostra Confederazione intraprende una importante collaborazione con UBI Banca finalizzata alla messa a disposizione dei propri
associati di servizi e soluzioni che possano dare slancio alla nostra economia". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua