Arpa Puglia, l'aria dei quartieri vicini all'ex Ilva
a Taranto non è inquinata

Lunedì 8 Aprile 2019
Arcelor Mittal, nello stabilimento ex Ilva a Taranto, sta rispettando le prescrizioni ambientali e sono rispettati i valori limiti di emissione. Emerge dall'ultima relazione Ispra -Arpa Puglia.  Nel 2017 e nel 2018, con riferimento alla porzione di zona industriale in cui ricadono alcuni comuni della provincia di Taranto - si legge -  «risultano rispettati i valori limite per PM10, PM2.5, biossido di azoto, benzene, monossido di carbonio e biossido di zolfo, il valore obiettivo per il benzo(a)pirene, nichel, arsenico, cadmio, piombo». La relazione si basa sui dati relativi  al quotidiano monitoraggio della qualità dell'aria nell'area urbana dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal e alle attività ispettive condotte presso l'impianto. Inoltre, si legge nella nota, «emerge una riduzione dei livelli di benzo(a)pirene nel quinquennio 2014 - 2018, durante il quale non si sono registrati superamenti dei valori limite per la protezione della salute umana per il PM10, per il PM2.5 e del valore obiettivo per il benzo(a)pirene. I livelli di benzo(a)pirene erano superiori al valore obiettivo fino al 2011 presso la stazione situata nel quartiere Tamburi (Taranto-Machiavelli) e significativamente maggiori rispetto ad altre tre stazioni della città (Taranto-Alto Adige, Taranto-Talsano e Taranto-Deledda). Successivamente c'è stata una riduzione dei livelli osservati presso la stazione Taranto-Machiavelli, le cui medie annuali negli ultimi sei anni sono oscillate tra 0,1 e 0,3 nanogrammi per metro cubo (ng/m³), al di sotto del valore obiettivo (1 ng/m³), diventando confrontabili con quelle rilevate nel resto del territorio».
Gli unici superamenti, si sottolinea, «riguardano l'ozono. Nel triennio 2015-2017, nelle due centraline dove viene monitorato l'ozono, si sono registrati rispettivamente 16 (San Vito) e 31 (Talsano) giorni di superamento della soglia di 120 microgrammi per metro cubo (µg/m³) come media su tre anni (il valore obiettivo prevede che i giorni di superamento possano essere al massimo 25)».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma