Il maltempo fa strage in Sicilia: 10 morti nel Palermitano. Anche due bambini

Domenica 4 Novembre 2018
(Teleborsa) - Il maltempo fa una vera e propria strage in Sicilia: dieci persone, tra i quali due bambini di 1 e 3 anni e un ragazzino di 15, sono morti in una villa in contrada Cavallaro a Casteldaccia, nel palermitano, a causa dell'esondazione del fiume Milicia ingrossato dalle piogge cadute ieri. Salvi solo in tre. Vigili del fuoco, Carabinieri, Protezione civile e sanitari del 118 sono sul posto.

Un morto anche a Vicari e un disperso a Corleone. Straripati anche i fiumi Belice, Akragas e Salso. Oltre cinquanta le famiglie evacuate. Sospesa dal pomeriggio di sabato la circolazione dei treni.

Situazione apocalittica in Veneto. A definire il dramma della devastazione per il maltempo in Veneto è la stessa protezione civile. "Dobbiamo partire subito perché se dobbiamo attendere la conta dei danni ci attiveremo almeno tra due mesi. Abbiamo una sofferenza in tutta Italia, ma in questo territorio è molto più pesante", ha detto il Direttore del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale Angelo Borrelli all'incontro con il presidente del Veneto Luca Zaia che questa mattina visiterà i luoghi più colpiti insieme al Ministro dell'Interno Matteo Salvini che ieri sera ha annunciato lo stanziamento imminente "dei primi 200 milioni di euro per aiutare le popolazioni colpite da questi disastri, dal Veneto alla Sicilia".

ALLERTA ARANCIONE IN 6 REGIONI - Intanto è allerta arancione nella giornata di oggi su parte di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, sui versanti jonico e tirrenico meridionale della Calabria, sull'intero territorio della Sicilia e sui bacini sud-occidentali e centro-meridionali della Sardegna.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua