Mes ed eurobond, governi Ue
senza intesa
in vista del Consiglio Ue

Mes ed eurobond, governi Ue senza intesa in vista del Consiglio Ue
di Marco Conti
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 25 Marzo 2020, 11:32

ROMA L’epidemia rallenta mentre gli effetti sull’economia dilagano. Il governo promette nuove misure e altri 25-30 miliardi, il Parlamento si prepara a concedere altro deficit, ma i governi europei restano molto distanti e il Consiglio europeo di domani prepara un nuovo “nulla di fatto”.

La riunione di ieri dell’Eurogruppo, ovvero dei ministri delle finanze e del tesoro della zona euro, si è infatti conclusa senza un documento finale condiviso che avrebbe dovuto offrire più soluzioni ai leader Ue impegnati domani nel terzo Consiglio in dieci giorni. 

L’Italia, insieme a Spagna, Francia e Grecia, punta a misure non invasive delle rispettive sovranità. Eurobond e utilizzo del Mes, ma senza paletti e condizionalità, le due soluzioni evocate sinora senza successo per le resistenze ufficiali dell’Olanda e per quelle meno sbandierate della Germania. 

Si tratterà ancora perché, come sostiene il commissario Ue Paolo Gentiloni, “occorre costruire il consenso” e “il confronto è l’unico modo”. I tempi si allungano, nel frattempo tocca alla Bce intervenire sul mercato, a meno che l’esplosione del Covid in aeree della Ue che si considerano immuni, non faccia precipitare la crisi e mutare idea anche a quei paesi Ue un po’ “frugali” e un po’ “paradisi fiscali”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA