Helbiz, i monopattini sbarcano a Wall Street

Helbiz, i monopattini sbarcano a Wall Street
di Jacopo Orsini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 13 Agosto 2021, 22:30 - Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 10:57

Dopo aver invaso le città italiane, i monopattini di Helbiz sbarcano al Nasdaq. Le azioni della società di micromobilità fondata nel 2015 dall’italiano basato a New York Salvatore Palella sono negoziate da ieri sul mercato americano in seguito alla fusione con GreenVision Acquisition, un veicolo di investimento già quotato con sede nel Delaware, negli Stati Uniti, dove hanno base molte grandi corporation americane e la legislazione fiscale è particolarmente generosa. Helbiz gestisce monopattini, biciclette e motorini elettrici su una unica piattaforma in 35 città, di cui 27 in Italia, comprese Roma e Milano. Ma l’azienda negli ultimi tempi ha allargato l’attività anche alla consegna del cibo a domicilio (con Helbiz Kitchen) e ai servizi di live streaming (con Helbiz Media, che ha rilevato i diritti per trasmettere su smartphone e pc per le prossime tre stagioni le partite del campionato di calcio di serie B).

I clienti attivi, quelli che usano cioè regolarmente monopattini, bici e motorini, sono oggi 2,7 milioni. Nel 2022, secondo quanto dichiarato dalla società, i ricavi dovrebbero attestarsi attorno a 80 milioni di dollari (circa 68 milioni di euro), mentre la perdita dovrebbe ridursi a qualche milione. La società punta invece a chiudere i conti in utile a partire dal bilancio 2023. 

«Il debutto al Nasdaq rappresenta una tappa importante, non solo per la nostra azienda, ma per tutto il settore della micromobilità oggi in rapida crescita», ha commentato Palella, fondatore, azionista di maggioranza e amministratore delegato di Helbiz, sottolineando che la società lavora «per fornire soluzioni di micro-mobilità sicure e innovative necessarie alla riduzione del congestionamento urbano e dell’inquinamento». 

Classe 1987, sposato, due figli, Palella dopo le scuole superiori si trasferisce a Dublino dove lavora nel settore dei fast food. Torna dopo qualche anno in Italia e fonda una azienda di macchinari specializzati nella spremitura automatica di agrumi. Poi sulle strade di Los Angeles vede i primi monopattini elettrici, intravede le grandi potenzialità di sviluppo e decide di puntare sulla micromobilità cittadina. Crea quindi Helbiz (da help, aiuto, e business) e nell’ottobre del 2018 a Milano lancia per la prima volta il servizio di monopattini elettrici. Apre sedi a New York e Belgrado e in pochi anni la rete delle città dove noleggiare i monopattini con il marchio Helbiz si espande in tutta la Penisola (da Torino a Bari, passando per Pisa e Cesena) e in alcune metropoli americane fra cui Miami, Atlanta e Washington.

La quotazione - nel giorno dell'esordio il titolo ha chiuso con un balzo del 59% a 12,95 dollari - porterà nelle casse della società circa 20 milioni di euro. L’operazione consentirà a Helbiz di «implementare il suo piano di espansione dei servizi di micromobilità sicuri ed efficienti in altre città d’Italia, d’Europa e degli Stati Uniti», ha spiegato la società. «Intendiamo continuare ad investire, in particolare in Italia, creando nuovi posti di lavoro e cercando talenti», ha sottolineato ancora Palella. Nel 2022 intanto i monopattini Helbiz arriveranno anche in Portogallo e Grecia, ma il gruppo conta di entrare presto anche in Germania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA