Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Guerra e inflazione: 1 italiano su 4 in difficoltà a causa dei rincari

Guerra e inflazione: 1 italiano su 4 in difficoltà a causa dei rincari
3 Minuti di Lettura
Venerdì 27 Maggio 2022, 11:15

(Teleborsa) - Oltre 11 milioni di individui (26%), pari a oltre un italiano su 4, ha dichiarato che l'aumento dei prezzi in corso ormai da 3 mesi ha avuto un impatto molto negativo sul proprio bilancio familiare. Per far fronte ai rincari gli italiani hanno adottato diverse strategie. C'è chi ha ridotto, se non del tutto eliminato, alcune voci di spesa (66% dei rispondenti), mentre oltre 4,7 milioni di individui per far quadrare i conti, hanno dovuto lasciare indietro alcune spese comunque scadute come, ad esempio, le bollette di luce e gas o le rate del condominio.
È quanto emerge dall'indagine che Facile.it ha commissionato a mUp Research e Norstat per fotografare come i consumatori stiano affrontando l'attuale scenario economico.

A livello territoriale – si legge nell'indagine realizzata su un campione rappresentativo della popolazione nazionale – l'aumento dei prezzi sembra aver colpito più duramente i rispondenti residenti nel Centro Italia (31%) e coloro con età compresa tra i 25-34 anni e i 45-54 anni (31%).

L'aumento del costo delle materie prime ha avuto un forte impatto sul carrello della spesa e questo ha spinto molti consumatori a cambiare le proprie abitudini d'acquisto o alimentari. Secondo l'indagine, molti hanno affrontato i rincari orientandosi su marchi più economici (41%) o cambiando punto vendita (28%). Soluzioni spesso non sufficienti tanto che, comunque, – evidenzia Facile.it – 35 milioni di consumatori hanno ridotto, se non addirittura eliminato, dalla loro tavola alcuni alimenti: non solo dolci (46%), snack (44%), alcolici (39%), ma anche carne (43%) e pesce (30%). C'è addirittura chi ha ridotto notevolmente l'acquisto di frutta (4,5 milioni di individui), pasta (3,4 milioni) e verdura (2,9 milioni). Più di 2 italiani su tre hanno ridotto le uscite al ristorante, mentre il 48% ha deciso di limitare i viaggi.

Per far fronte agli aumenti derivanti dal caro-benzina il 46% dei rispondenti ha detto di aver ridotto l'uso dell'auto nel tempo libero, mentre il 47% ha cercato di risparmiare prestando maggiore attenzione nella scelta della pompa di benzina. Quasi 1 automobilista su 3, invece, ha modificato il proprio stile di guida al fine di ridurre il più possibile il consumo di carburante.

Altra voce di spesa cresciuta notevolmente negli ultimi mesi è quella dell'energia elettrica e del gas. In questo caso gli italiani hanno cercato di far fronte agli aumenti impegnandosi nella riduzione dei consumi, ad esempio facendo più attenzione all'illuminazione domestica (61%), abbassando il riscaldamento (46%), ottimizzando l'uso degli elettrodomestici (42%) o consumando meno acqua calda (26%). Circa 10 milioni di italiani, invece, hanno cercato di risparmiare sulla bolletta luce e gas semplicemente cambiando fornitore di energia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA