Green Pass, manifestanti di 'Io Apro': "Primo round perso". Oggi in piazza il 'Comitato libera scelta'

Green Pass, manifestanti di 'Io Apro': "Primo round perso". Oggi in piazza il 'Comitato libera scelta'
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Luglio 2021, 10:00

(Teleborsa) - "Il primo round è stato perso". All'indomani della manifestazione organizzata a Roma, i manifestanti anti Green Pass sulla pagina Facebook di "Io Apro" prendono atto della "sconfitta". In piazza del Popolo, avevano annunciato trionfalmente, "saremo almeno 50mila" ma alla fine erano poche centinaia, meno di mille, in gran parte, rigorosamente senza mascherina.

Dopo l'onda negazionista che sabato scorso si è riversata in diverse città sulla scia della protesta organizzata a Ostia da gruppi legati ai cospirazionisti di QAnon, ieri nella Capitale a urlare "libertà, libertà, libertà" sono stati i ristoratori capeggiati dai leader del movimento Biagio Passaro e Momi El Hawi che, tuttavia, non si dicono contrari al vaccino ma solo all'introduzione della carta verde. Ad ingrossare le file dei manifestanti anche una delegazione di Forza Nuova con il suo leader romano Giuliano Castellino in prima linea contro la "tirannia sanitaria".

Un fronte, quello dei ristoratori, che – come si è visto dall'esiguo seguito della protesta – non è compatto. In molti ritengono, infatti, il Green Pass un'assicurazione sull'apertura delle loro attività, l'unica chance di scongiurare nuove chiusure da qui ai prossimi mesi. Senza contare che gli spazi esterni, ampliati proprio grazie alle misure introdotte per far fronte alla crisi, possono continuare ad accogliere chiunque, anche chi rifiuta di sottoporsi sia al vaccino che al tampone rapido (già gratuito presso le stazioni delle principali città italiane).

Questa sera a scendere in piazza è la Lega sotto il nome di "Comitato libera scelta", formalmente una onlus che si autodefinisce composta da "liberi cittadini", "apartitica, apolitica, aperta a chiunque intenda sostenere la piena libertà di scelta in materia sanitaria", ma che nella realtà dei fatti, oltre a personaggi come Vittorio Sgarbi, tra i partecipanti vede schierati tutti i principali esponenti del partito di Matteo Salvini. Sulla pagina social del Comitato, tra gli altri, viene annunciata la presenza di Bagnai, Siri, Borghi e Pillon; del fuoriuscito a cinquestelle Paragone e Paolo Becchi, l'ex ideologo del Movimento che si è allontanato da Grillo nel 2015. L'appuntamento per la fiaccolata è alle 20 in 11 piazze da Milano a Santa Teresa di Gallura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA