Giornata cauta per Milano, in sintonia con listini europei

Martedì 16 Luglio 2019
(Teleborsa) - La borsa milanese non si sposta dai valori della vigilia, in linea con i principali mercati di Eurolandia che hanno tenuto anche al deludente dato sullo Zew tedesco. Gli investitori si mostrano cauti in attesa che entri nel pieno la stagione delle trimestrali USA e in vista delle prossime riunioni di politica monetaria della BCE e della Fed.

Sessione debole per l'Euro / Dollaro USA, che scambia con un calo dello 0,27%. L'Oro mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1.414,8 dollari l'oncia. Lieve aumento per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un rialzo dello 0,32%.

Lieve calo dello spread, che scende a +190 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all'1,60%.

Nello scenario borsistico europeo resta vicino alla parità Francoforte (-0,01%), seduta senza slancio per Londra, che riflette un moderato aumento dello 0,30%, piatta Parigi, che tiene la parità.

A Milano, il FTSE MIB è sostanzialmente stabile e si posiziona su 22.170 punti; sulla stessa linea, incolore il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 24.135 punti, sui livelli della vigilia. Sulla parità il FTSE Italia Mid Cap (+0,12%); guadagni frazionali per il FTSE Italia Star (+0,31%).

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti bancario (+1,18%), costruzioni (+0,73%) e vendite al dettaglio (+0,62%).

Nella parte bassa della classifica del listino azionario italiano, sensibili ribassi si manifestano nei comparti automotive (-1,02%) e utility (-0,57%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, Banco BPM avanza dell'1,71%.

Si muove in territorio positivo Unicredit, mostrando un incremento dell'1,57%.

Denaro su Saipem, che registra un rialzo dell'1,50%.

Bilancio decisamente positivo per Fineco, che vanta un progresso dell'1,35%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Fiat Chrysler, che continua la seduta con -3,95% dopo il "sell" di Goldman Sachs.

In apnea Pirelli, che arretra del 2,46%.

Sotto pressione Atlantia, che accusa un calo dell'1,18%, scelta come partner da FS per Alitalia.

Tentenna Poste Italiane, con un modesto ribasso dello 0,72%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Tinexta (+3,81%), Carel Industries (+2,04%), Banca MPS (+1,82%) e Mutuionline (+1,29%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Salini Impregilo, che ottiene -2,56% dopo la nuova offerta per Astaldi (+1,01%).

Scivola Saras, con un netto svantaggio dell'1,40%.

In rosso De' Longhi, che evidenzia un deciso ribasso dell'1,16%.

Spicca la prestazione negativa di Maire Tecnimont, che scende dell'1,07%. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma