Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giappone, produzione in forte calo ma aumenta fiducia consumatori

Giappone, produzione in forte calo ma aumenta fiducia consumatori
2 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Novembre 2019, 09:15

(Teleborsa) - Crolla la produzione nelle fabbriche giapponesi. Secondo la stima preliminare del Ministero del Commercio Internazionale e dell'Industria giapponese (METI), l'indice destagionalizzato della produzione industriale dovrebbe esser scivolato del 4,2% nel mese di ottobre, dopo il +1,7% di settembre.

Il dato risulta peggiore delle attese degli analisti che indicavano un calo più contenuto del 2,1%. Su base annua il dato non destagionalizzato della produzione è indicato in calo del 7,4%.

La riduzione della produzione è stata causata da un forte calo delle consegne (-4,3%) rispetto al mese precedente. Le scorte sono aumentate invece dell'1,2% (+2,5% il dato tendenziale).

La ratio delle scorte registra un +4,7% su base mensile ed un +9,6% annuale.

Diffuso anche il dato sul sentiment dei consumatori giapponesi, risultato in lieve miglioramento a novembre. Secondo quanto comunicato dall'Istituto di ricerca economica e sociale del Cabinet Office giapponese, l'indice di fiducia si è attestato a 38,7 punti in rialzo dai 36,2 segnati ad ottobre.

L'indice, che risulta superiore al consensus (35,4 punti), si conferma abbondantemente al di sotto dei 50 punti, evidenziando la persistenza di un clima negativo nelle famiglie del Sol Levante.

In calendario anche i dati sul mercato del lavoro. Il Ministero degli Affari interni delle poste e telecomunicazioni nipponico segnala che nel mese di ottobre il tasso di disoccupazione è rimasto al 2,4% come nel mese precedente, centrando le attese degli analisti.

Il numero di disoccupati è sceso di 10 mila unità rispetto allo scorso anno, a 1,64 milioni.

Gli occupati sono pari a 67,87 milioni, in aumento di 620 mila unità rispetto all'anno precedente.

(Foto: Mj-bird CC BY-SA 3.0)

© RIPRODUZIONE RISERVATA