Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Generali, Caltagirone: con noi tutti i soci italiani

Caltagirone: con noi tutti i soci italiani, cda tenga conto dei nostri voti
2 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Aprile 2022, 18:31

«Sono convinto che Generali possa essere migliore e possa crescere molto. Per questo il mio gruppo ha presentato una lista che ha avuto il 42% dei voti, tutti gli italiani sono con noi senza eccezioni e sono tutti soci stabili. Soci che vogliono che Generali rimanga una società radicata in Italia e legata all'Italia». Così Francesco Gaetano Caltagirone ha commentato l'esito dell'assemblea dei soci Generali che ha confermato l'amministraztore delegato uscente Philippe Donnet per un altro triennio. «Chi è socio stabile vuole che insieme al grano che si semina ad ottobre e si raccoglie a giugno, si pianti l'albero che darà frutto negli anni», ha proseguito l'imprenditore.

Caltagirone, nel ringraziare «chi ci ha sostenuto e supportato votandoci», ha evidenziato che «sono mancati i voti dei soci stranieri più lontani dalla realtà italiana, che credo non abbiano pienamente percepito quanto sia necessario il cambiamento per una società forte a lungo termine che deve rimontare le posizioni perse negli ultimi venti anni». Per questo, ha aggiunto, «fin quando lo riterrò ragionevole, continuerò a operare perché il cambiamento avvenga».

«Gli azionisti hanno votato: la maggioranza (oltre il 55%) ha preferito proseguire con Donnet piuttosto che l'alternativa di sviluppo proposta dal mio Gruppo», ha rilevato ancora Caltagirone, dicendosi convinto che Generali crescerà ancora ma anche che «parte del risultato sarà comunque conseguito perché un consiglio di amministrazione eletto dal 55% dei voti non potrà non tenere conto dell'altro 45%».

© RIPRODUZIONE RISERVATA