Gas, von der Leyen: «Al lavoro per prezzi più bassi e approvvigionamento»

La presidente della Commissione Ue: «Sul costo del gas, continuiamo a lavorare su risposte adatte a un mercato globale»

Gas, von der Leyen: «Al lavoro per prezzi più bassi e approvvigionamento»
3 Minuti di Lettura
Sabato 10 Settembre 2022, 17:47 - Ultimo aggiornamento: 17:54

Von der Leyen manda rassicurazioni all'Europa per rispondere al caro energia mentre a Bruxelles si lavora a un prezzo del tetto del gas in arrivo in Ue. «Sul costo del gas, continuiamo a lavorare su risposte adatte a un mercato globale», ha scritto su Twitter la presidente della Commissione Ue all'indomani della riunione straordinaria dei ministri dell'Energia dei Ventisette, che hanno dato mandato a Bruxelles di elaborare nuove proposte per fare fronte al caro energia, tra cui un price cap alle importazioni di gas in Ue. I Paesi sono divisi tra chi, come l'Italia, vorrebbe un tetto generalizzato, e chi limitato alle forniture russe. «L'obiettivo è garantire prezzi più bassi in Europa e al contempo la sicurezza dell'approvvigionamento», precisa von der Leyen.

Le proposte

Nel corso del fine settimana la Commissione europea è indaffarata a perfezionare il pacchetto di proposte che il collegio dei commissari licenzierà martedì negli uffici di Strasburgo, a margine della sessione plenaria del Parlamento europeo. Von der Leyen riferisce di avere accolto «con favore il sostegno generale» espresso ieri dai ministri al disegno legislativo pre-annunciato già mercoledì scorso e di essere al lavoro con i suoi commissari «per affrontare i prezzi alle stelle e dare sollievo agli europei». Il focus del lavoro di questi giorni, spiega la presidente, è «la riduzione della domanda», con una proposta sul taglio dei consumi di elettricità del 10%, di cui il 5% nelle ore di punta; i «contributi del settore energetico a sostegno delle famiglie e delle imprese vulnerabili», attraverso un tetto ai ricavi inframarginali delle compagnie che producono elettricità da fonti a basso costo diverse dal gas (come le rinnovabili) e un contributo di solidarietà per le società che lavorano i combustibili fossili da redistribuire ai consumatori; il «supporto alla liquidità delle utilities» alle prese con la volatilità del mercato, con nuova flessibilità sugli aiuti di Stato; e «l'accelerazione del RePowerEu», il maxi-piano energetico presentato a maggio per tagliare la dipendenza da gas, petrolio e carbone russi il prima possibile attraverso il risparmio, la diversificazione e gli investimenti nelle rinnovabili.

Il price cap

La discussione sul price cap al gas segue invece un percorso separato. Diverse le soluzioni allo studio, al pari delle posizioni in campo. Il fronte per un tetto generalizzato a tutte le importazioni, guidato dall'Italia, conta Paesi Baltici, Belgio, Grecia, Polonia, Bulgaria, Croazia, Slovenia, Cipro, Svezia, Malta, Irlanda e Romania. La Francia e la Danimarca, invece, vorrebbero limitarsi al gas russo. Restie la Germania e l'Olanda; mentre sono manifestamente contrarie a un cap di qualunque tipo Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia. Per adottare il provvedimento è necessaria una doppia maggioranza: almeno 15 Paesi che rappresentino il 65% della popolazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA