Bollette, in arrivo nuove semplificazioni contro il caro-energia. L’Italia hub del gas Ue

In settimana il governo varerà il decreto per l’accelerazione sulle fonti rinnovabili. Von der Leyen annuncia: «A maggio un nuovo piano europeo per il solare»

Caro-energia, in arrivo nuove semplificazioni. L Italia hub del gas Ue
di Jacopo Orsini
4 Minuti di Lettura
Domenica 24 Aprile 2022, 23:59 - Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 00:20

Il governo prova a dare un nuovo colpo di acceleratore sulle rinnovabili. Intanto l’Italia, con la prospettiva di spezzare presto la dipendenza europea dal gas russo, si candida a diventare il nuovo hub del metano continentale. La Penisola, rispetto ad altri Paesi come la Spagna, si trova infatti in una posizione di maggior vantaggio. I tubi che portano il gas nel Belpaese sono ben collegati al resto d’Europa e sono anche in grado di invertire il flusso. Invece di riceverlo possono anche spedirlo verso altre nazioni, come accaduto per esempio a cavallo di Natale, quando il costo del gas importato attraverso il Tap, il tubo che arriva in Salento, è diventato più conveniente ed è stato venduto a Svizzera, Francia e Germania. 

I nodi

C’è da risolvere però il nodo dei rigassificatori, indispensabili per ricevere il gas promesso dagli americani e quello che arriverà dai paesi africani e dal Qatar, e contribuire a renderci indipendenti dall’energia di Mosca. Di impianti per immettere nella rete italiana il gas che dovrebbe arrivare via nave ce ne sono per ora solo tre: al largo di Livorno, Rovigo e Panigaglia (vicino a la Spezia). La Snam è alla ricerca di due navi da ormeggiare vicino alla costa (si è ipotizzato a Ravenna e a Piombino, dove però si sono subito levate e molte voci contrarie) per fare da rigassificatori galleggianti e immettere nella rete altri 10 miliardi di metri cubi l’anno. Una quota che anche se arrivasse subito sarebbe comunque in grado di coprire solo un terzo del gas che importiamo dalla Russia. 


Intanto il percorso che dovrebbe portare nei prossimi anni l’Italia a non dipendere più dal gas russo passa anche dallo sviluppo della produzione da rinnovabili. Il prossimo decreto Energia, atteso in settimana, forse giovedì, stabilirà una serie di nuove norme per velocizzare la costruzioni di nuovi impianti per la produzione da fonti green. Diverse le ipotesi a cui stanno lavorando i tecnici, a partire da quella di un’Autorizzazione unica, tra Valutazione di impatto ambientale (Via) e Autorizzazione regionale. Spesso è infatti proprio nelle amministrazione regionali dove restano impantanati i permessi per procedere. Nel nuovo decreto potrebbe poi entrare la definizione per legge delle aree e della tipologia di edifici sui quali di default è possibile produrre energia da rinnovabili, a partire dalle aree industriali dismesse e da quelle agricole abbandonate o non produttive da oltre 5 anni. Tra le ipotesi anche la nomina di un commissario del governo (e di subcommissari regionali) per accelerare le procedure con potere di superare i veti delle sovrintendenze. Il provvedimento ancora allo studio arriva comunque dopo un altro decreto Energia, diventato legge la settimana scorsa, dove sono state inserite altre norme per agevolare le imprese nel processo di installazione di impianti fotovoltaici. 

La proposta

Anche la Commissione europea lavora a una proposta di revisione della direttiva sulle rinnovabili per accelerare le autorizzazioni, considerato l’ostacolo principale alla diffusione delle energie pulite. «Il mese prossimo la Commissione presenterà una nuova strategia sull’energia solare, come parte del pacchetto RePowerEu», ha detto ieri la presidente dell’esecutivo, Ursula von der Leyen. «La guerra scatenata dalla Russia contro Kiev ha ricordato duramente, a noi europei, che la dipendenza dall’energia di Mosca non è più sostenibile», ha aggiunto. «Ogni kilowattora che generiamo di energia dal solare, dall’eolico, dall’idrico o dalle biomasse riduce la nostra dipendenza dalle fonti fossili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA