Gamestop crolla in Borsa, ma la battaglia dei piccoli trader contro i grandi fondi continua

Gamestop crolla in Borsa, ma la battaglia dei piccoli trader contro i grandi fondi continua
4 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Gennaio 2021, 20:22 - Ultimo aggiornamento: 20:45

La rivolta dei piccoli trader contro gli hedge fund scombussola Wall Street e arriva fino in Congresso, mettendo d'accordo addirittura due nemici giurati, la pasionaria democratica Alexandria Ocasio-Cortez e Ted Cruz, il senatore repubblicano alleato di Donald Trump. Al centro della guerra fra i piccoli investitori e i fondi speculativi c'è Gamestop, catena di negozi di videogiochi texana che non naviga nell'oro. Presa di mira dagli hedge fund, che scommettevano sul crollo dei sui titoli, Gamestop è volata nelle ultime sedute con un balzo mercoledì di oltre il 130%. Poi oggi il crollo -34% a 228 dollari. Ma considerato che solo quattro mesi fa, il titolo valeva 6 dollari e solo venerdì scorso 42 il rialzo resta strabiliante. A sostenere i titoli la carica dei piccoli investitori che su WallStreetBets, forum del social network Reddit, si sono in qualche modo alleati con una sorta di congiura contro i fondi speculativi che scommettevano sul crollo del titolo. Vincendo per il momento la battaglia e costringendo diversi investitori professionisti a dichiarare perdite ingenti.

La decisione di Robinhood e di altre piattaforme di limitare gli scambi di Gamestop e di altri titoli presi di mira dai Reddit-ers, quali Blackberry e Nokia, sta però intralciando la loro strategia. Le restrizioni hanno infatti causato un crollo dei titoli Gamestop, arrivati a perdere fino al 56% e sospesi per eccesso di ribasso. I limiti imposti hanno fatto infuriare Ocasio-Cortez, conosciuta come 'AOC'. «È inaccettabile. Dobbiamo sapere di più sulla decisione di Robinhood di bloccare gli investitori retail dall'acquistare titoli mentre gli hedge fund sono lasciati liberi» di agire, ha twittato la deputata. Cruz si è detto «completamente» d'accordo con lei. La Speaker della Camera, Nancy Pelosi, ha affermato che il caso Gamestop sarà esaminato. D'altronde lo stanno già facendo il Tesoro americano e la Sec.

Che una piccola società di videogiochi del Texas potesse finire al centro di una guerra e nel mirino del Congresso non poteva prevederlo nessuno. Ma il caso solleva molte domande sul futuro di Wall Street, dove i piccoli investitori vogliono contare di più e avere più potere. «È una rivoluzione partita dal basso» che regala poter ai piccoli: «Non si può più tornare indietro, che sia una piattaforma o un'altra questo è il nuovo normale», ha commentato soddisfatto il co-fondatore di Reddit Alexis Ohanian.

Ma cosa ha trasformato il titolo di una catena di videogiochi in difficoltà in un'ossessione? Il merito è di un esercito di piccoli investitori che con un martellante passaparola sul web ha lanciato una guerra contro gli hedge fund e le loro scommesse short, ovvero ribassiste, e ha cominciato ad acquistare i titoli di GameStop, come di altre società in difficoltà prese di mira dagli short-seller. L'improvvisa ascesa del titolo ha spinto gli investitori a chiudere le posizioni scoperte, dando origine a ulteriori incrementi di prezzo. 

L'investitore Michael Burry, in un tweet poi cancellato, aveva scritto che il trading su GameStop è «innaturale, assurdo e pericoloso» e ci dovrebbero essere «ripercussioni legali e regolatorie». Tra coloro che invece hanno incitato i piccoli investitori, su Twitter, c'è Elon Musk, l'amministratore delegato di Tesla, che con un gioco di parole ha postato «Gamestonk». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA