FT sferza il Governo: troppe indecisioni su vicenda Ausotrade e FCA

Domenica 24 Maggio 2020
(Teleborsa) -

Fibrillazione nel Governo per la questione Atlantia. Posizioni contrapposte all'interno della maggioranza, con il Premier Conte impegnato nella mediazione tra Pd e Movimento 5 Stelle soprattutto dopo la presa di posizione del Gruppo guidato dalla famiglia Benetton per quanto riguarda Aspi, la controllata che gestisce le Autostrade. Il Financial Times, principale quotidiano economico-finanziario del Regno Unito e uno dei più antichi e autorevoli del mondo, in un articolo dei giorni scorsi ha ripercorso la vicenda che vede protagonista Atlantia, precisando come il Gruppo sia in trattativa per ottenere una linea di credito sostenuta dallo Stato da 1,25 miliardi di euro per il pedaggio autostradale, che è stata pesantemente criticata a seguito del disastro del ponte di Genova del 14 agosto 2018. La linea di credito per Autostrade per l'Italia mette il Governo di fronte a un dilemma: da un lato sosterrebbe un grande datore di lavoro italiano e allo stesso tempo priverebbe l'azienda delle sue concessioni autostradali.

Il Movimento Cinque Stelle ritiene prioritaria la revoca delle concessioni prima della scadenza del 2038, come mezzo per sanzionare il principale operatore autostradale ritenuto unico responsabile del disastro che ha ucciso 43 persone. "Se il Governo decide di dare loro la garanzia e successivamente toglie loro le concessioni, dovrebbero rimborsare il prestito di Autostrade con i soldi dei contribuenti ", ha detto una delle persone coinvolte nella discussione sulla linea di credito.

Autostrade, che sta affrontando due inchieste relative al crollo di Genova e alle operazioni relative ad altri nove viadotti, ha respinto le accuse di non aver effettuato una corretta manutenzione. La linea di credito per Autostrade, che la salverebbe da un potenziale fallimento, sarebbe resa disponibile da un pool di banche guidate da UniCredit.

Atlantia, come riporta il Financial Times, "sta inoltre negoziando una linea di debito garantita da 250 milioni di euro con Mediobanca per ADR, l'operatore aeroportuale di Roma. A complicare ulteriormente la decisione del Governo, l'Italia dovrebbe sostenere una linea di credito di 6,3 miliardi di euro per Fiat-Chrysler a sostegno dell'industria automobilistica del Paese, che rappresenta il 10% del prodotto interno lordo italiano. La richiesta della casa automobilistica ha suscitato critiche perché FCA ha ancora in programma di procedere con un dividendo di 5 miliardi di euro in vista della sua fusione con il PSA francese". Il Gruppo paga anche parte delle imposte all'estero.

"Sarebbe difficile per il Governo spiegare che intende sostenere la linea di credito di FCA - ha commentato una persona coinvolta nei colloqui che intende mantenere l'anonimato - rifiutando però di sostenere una richiesta di una società italiana che impiega 7.300 persone perché non gradiscono la famiglia Benetton".

Il quotidiano britannico diretto da Lionel Barber riferisce che "Funzionari di Five Star hanno suggerito questa settimana che Autostrade non avesse i requisiti per l'accesso alla linea di credito garantiti dallo stato. Tuttavia, in base alle nuove leggi sull'emergenza Covid, il Governo italiano deve prendere in considerazione l'impatto sulle infrastrutture strategiche e il ruolo della società all'interno del sistema economico in Italia, così come il numero dei dipendenti e la complessità della catena di fornitura, al momento di decidere per garantire la loro richiesta di prestito".

"Il Decreto emesso per contrastare gli effetti economici negativi della pandemia di coronavirus offre questa possibilità e Atlantia vuole sfruttarlo - ha detto ancora la persona coinvolta nei colloqui - e spetta quindi al Governo chiarire le proprie contraddizioni". Diverse persone hanno affermato che il Governo italiano ha avuto un certo grado di discrezionalità nel valutare tali richieste.

Richiederà ad Autostrade di abbassare le tariffe dei pedaggi oltre un'offerta di 2,9 miliardi di euro, fatta a marzo, per sconti tariffari e lavori di manutenzione extra in cambio del sostegno della linea di credito. Secondo due persone coinvolte nei colloqui, scrive il Financial Times, i rappresentanti della compagnia hanno incontrato funzionari del Tesoro a Roma per discutere della questione giovedì. Il Ministero del Tesoro italiano ha rifiutato di commentare. Separatamente, Autogrill, la società di catering per strade a pedaggio della famiglia Benetton, sta negoziando un prestito di 250 milioni di euro con Intesa e la Banca Popolare di Milano, mentre Benetton, la società di abbigliamento, è in trattativa con UniCredit per ottenere un debito di 200 milioni di euro. Autostrade e UniCredit hanno rifiutato di commentare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani