Ferrovie, Ferraris: «Pnrr occasione per ridisegnare lo scheletro della logistica»

Ferrovie, Ferraris: «Pnrr occasione per ridisegnare lo scheletro della logistica»
3 Minuti di Lettura
Domenica 26 Settembre 2021, 16:15

Il Piano Nazionale di ripresa e resilienza è un'occasione per Ferrovie dello Stato per «ridisegnare lo scheletro dei trasporti del Paese», a sostenerlo è l'a.d. di Fs Luigi Ferraris in un intervento all'iniziativa Futura 2021, la tre giorni della Cgil a Bologna. «Il Pnrr ci dà la possibilità di riabilitare la progettazione dell'intera filiera logistica», aggiunge Ferraris.

«Entro il 2030 il 30% delle merci non più su gomma»

«Oggi in Italia il trasporto merci su rotaia vale più o meno il 10%, la media dei paesi europei è al 20%, i nostri paesi confinanti viaggiano su 35%. Inoltre l'Ue ha fissato un obiettivo ben preciso, che entro il 2030 il 30% delle merci viaggi non più su gomma. È una bella sfida», ha detto Ferraris, spiegando che «il primo fattore abilitante è l'infrastruttura che va pianificata adeguatamente. In questo senso il Mims ha previsto progetti nel Pnrr per complessivi 62 miliardi di euro, interventi che non riguardano solo le ferrovie». «Noi come Fs abbiamo la responsabilità di gestire 28 miliardi euro, garantendo un'evoluzione delle infrastruttura senza precedenti», ha aggiunto. 

«Un servizio integrato e sostenibile»

«Per quanto riguarda il nostro gruppo, Ferrovie ha al suo interno una divisione che si occupa di merci. È la terza in termini di importanza e dimensioni e forse alla luce di quello che sta accadendo è focalizzata prevalentemente sul trasporto, con poco focus sulla parte a monte e a valle, mentre oggi ci viene sempre più richiesto di avere una gestione più integrata, quindi anche il gruppo Fs dovrà allargare il proprio raggio d'azione, fare la sua parte come operatore ferroviario ma investendo e sfruttando al meglio anche le piattaforme logistiche che oggi abbiamo». Ha detto l'a.d. di Fs. «Dobbiamo lavorare in un'ottica di servizio integrato, sostenibile, diversificando e ampliando la nostra struttura», ha aggiunto.

PNRR, Draghi richiama all'ordine i Ministri: riforme e investimenti in ritardo

© RIPRODUZIONE RISERVATA