Ferrovie, i costruttori: investire 10 mld in manutenzione per risparmiarne 30 in 10 anni

Mercoledì 27 Febbraio 2019
Cambiare il Codice degli appalti, riparare i danni alle infrastrutture provocati dal tempo e dall'usura e ripartire il fondo per gli investimenti previsto dalla Legge di Bilancio 2019, in modo da investire 10 miliardi e risparmiarne 30 in dieci anni.

Queste le richieste avanzate a Roma da Anceferr (Associazione Nazionale Costruttori Ferroviari Riuniti), insieme con gli ingegneri del Cifi (Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani) e l'Oice (Organizzazioni di Ingegneria, Architettura e Consulenza Tecnico-Economica) aderente a Confindustria, nel corso del Seminario "Ambiente, risparmio, sicurezza, sviluppo: guarire le infrastrutture italiane".

Insieme al Presidente ANCEFERR, Pino Pisicchio, sono intervenuti al Seminario il Vice Ministro Infrastrutture e Tasporti, Edoardo Rixi, e l'Amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana, Maurizio Gentile.

Per Pisicchio, la riduzione delle risorse previste nella Legge di Bilancio 2019 per le FS, soprattutto in relazione al taglio di 2,240 miliardi relativo alla voce "Contratto di servizio e di programma per investimenti RFI", non è il modo migliore per procedere con la "Cura del Ferro".

"Facciamo ripartire il Paese che non è soltanto la Tav - ha precisato il presidente ANCEFERR - ma anche le tante piccole opere bloccate e migliaia interventi di manutenzione", ha poi concluso il Presidente. Ultimo aggiornamento: 19:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divano, tastiere, cellulare, cuffie: ecco i figli in modalità vacanza

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma