CORONAVIRUS

Parrucchieri, una settimana da record: pagamenti digitali +1940% rispetto al periodo pre-Covid

Mercoledì 27 Maggio 2020

Hanno sofferto per due mesi. Ma parrucchieri, barbieri e centri estetici stanno recuperando alla grande, nonostante il vincolo di ricevere solo su appuntamento e un numero limitato di clienti alla volta. La prova arriva anche da una analisi degli esperti di SumUp sulle  transazioni digitali. Ebbene tra il 18 e il 24 maggio i pagamenti digitali per coiffeur ed estetisti  hanno fatto registrare un record senza precedenti:  +1940%, a valore raddoppiato rispetto al periodo pre-Covid-19. I dati dell'Osservatorio di SumUp, la fintech specializzata in lettori di carte portatili e soluzioni di pagamento per Pmi e piccoli commercianti, dopo aver individuato nelle scorse settimane un trend positivo nell'adozione di pagamenti cashless da parte di microimprese, artigiani, bar e pub, ha infatti registrato adesso nel settore Beauty & Barbers un vero e proprio boom dei pagamenti digitali. E dall'Osservatorio si evidenzia che «per apprezzare il cambiamento e la reale tendenza di utilizzo del cashless è, però, importante sottolineare che il valore del transato del comparto registrato tra il 18 e il 24 maggio è più del doppio delle entrate registrate» prima dell'emergenza coronavirus

Scatta il revenge-beauty, aumentati del 146% gli appuntamenti. Le donne dal parrucchiere per 2 ore e mezza

Parrucchieri, voucher di 100 euro per operatori sanitari e forze dell'ordine

«Centri estetici e parrucchieri hanno registrato l'incremento più significativo questa settimana: ci aspettavamo di osservare una crescita importante, poiché i negozi arrivavano da un periodo di chiusura totale, ma questo picco e, soprattutto, il fatto che il valore del transato sia più del doppio del periodo precedente l'emergenza sanitaria, dimostrano quanto in concreto l'abitudine al pagamento cashless si stia radicando durante la Fase 2» commenta Umberto Zola, Country Growth Lead Italia di SumUp. Centri estetici, parrucchieri e barber shop, commentano infine gli analisti dell'Osservatorio, hanno, dunque, «colto appieno i vantaggi sanitari e la comodità offerti dal cashless, invitando i propri clienti a pagare scegliendo soluzioni come i lettori portatili SumUp» perché i pagamenti digitali «permettono infatti ai commercianti di tenere più facilmente sotto controllo il registro delle entrate, nonché di continuare ad offrire servizi alla collettività senza rischiare di diventare veicoli di contagio, velocizzando e semplificando i pagamenti, garantendo il rispetto delle distanze interpersonali ed evitando lo scambio di cartamoneta»

© RIPRODUZIONE RISERVATA