Ex Ilva, Governo-Mittal: prove di disgelo

Mercoledì 5 Febbraio 2020
(Teleborsa) - La strada è ancora lunga e piena di ostacoli, ma Governo e Mittal fanno le prove generali di disgelo Un incontro utile a verificare che ci sono "obiettivi" condivisi e a dare "nuova linfa ai nostri negoziatori", ha detto ieri Giuseppe Conte riportando ai giornalisti l'esito di un colloquio avuto a Londra con Lakshmi Mittal, numero uno di ArcelorMittal, dedicato al dossier dell'ex Ilva.

"Non dovete pensare che sia stato un incontro per negoziare i dettagli, però è stato un incontro utile per ribadire le linee strategiche di fondo di questo negoziato, ci siamo aggiornati", ha spiegato Conte dopo l'incontro con Mittal, durato circa un'ora nella sede dell'ambasciata, dopo che il Presidente del Consiglio aveva partecipato in mattinata con il Premier britannico Boris Johnson all'evento di lancio della conferenza Onu sul clima CoP26 2020. "Ovviamente - ha proseguito Conte - ci sono i nostri rispettivi negoziatori e lo staff di legali che stanno lavorando, si sta definendo il piano industriale, si stanno anche creando anche le premesse per l'ingresso del pubblico, perché, come abbiamo detto, ci sarà anche un investimento pubblico.

"L'Ad Lucia Morselli ci ha riferito che il pre-accordo è possibile e non è escluso che possa arrivare tra oggi e domani. In seguito la trattativa proseguirà per i necessari approfondimenti". Lo riferiscono fonti sindacali dopo l'incontro di oggi nello stabilimento di Taranto tra Morselli e i coordinatori di fabbrica di Fim, Fiom e Uilm per aggiornamenti in merito all'infortunio avvenuto nel reparto Officina Carpenteria, al cambio del management e alla fase di negoziato ancora in corso sul futuro dell'ex Ilva. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani