Ex Ilva, Cig prorogata senza l'accordo: durerà 4 settimane

Martedì 30 Giugno 2020
(Teleborsa) - Cassa integrazione prorogata dal 6 luglio per 4 settimane per i lavoratori dell'Ex Ilva di Taranto senza l'accordo tra ArcelorMittal e i sindacati.

Nello specifico saranno 8.153 dipendenti dello stabilimento di Taranto interessati dalla decisione dell'azienda di continuare la Cassa integrazione con casuale Covid 19.

Nell'incontro con i sindacati il Gruppo ha ribadito che andrà avanti con la procedura che "si rende necessaria per una caduta degli ordinativi a seguito della contrazione del mercato dell'acciaio scaturita dal post pandemia".

In una nota Fim, Fiom e Uilm spiegano di aver "avanzato delle richieste in merito all'integrazione salariale, alla diminuzione del personale coinvolto dalla Cigo ed a una rotazione equa dei lavoratori a parità di mansione"

"ArcelorMittal - sostengono i sindacati - ancora una volta ha preferito non entrare nel merito della cassa integrazione, a partire dal numero complessivo di lavoratori coinvolti dalla procedura dell'ammortizzatore sociale".

Attualmente, secondo quanto riferiscono le sigle metalmeccaniche, sono "circa 3.100 dipendenti diretti collocati in Cigo, mentre la presenza in fabbrica è di circa 3.800 lavoratori. Per quanto attiene il personale dell'indotto la presenza media si attesta intorno ai 2.200".

In mattinata i sindacati hanno inoltre incontrato la dirigenza Inps di Taranto in merito alle denunce dei giorni scorsi "sull'utilizzo anomalo della cassa integrazione. Abbiamo fornito - precisano i coordinatori di fabbrica - ulteriori elementi di criticità che si sono presentati durante l'utilizzo dell'ammortizzatore sociale da parte di ArcelorMittal". © RIPRODUZIONE RISERVATA