Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Eurolandia in calo, con Piazza Affari fanalino di coda

Eurolandia in calo, con Piazza Affari fanalino di coda
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Giugno 2022, 18:00

(Teleborsa) - La Borsa di Milano chiude in calo insieme alle altre principali Borse europee, con Wall Street che viaggia incerta mentre restano i timori sui mercati legati all'inflazione e al ritorno della recessione. Nel corso del panel di chiusura del forum di Sintra, la presidente della BCE, Christine Lagarde, ha detto che "difficilmente torneremo a un periodo di bassa inflazione", sottolineando che "si sono scatenate forze che cambieranno il paesaggio in cui operiamo".

Sul fronte societario, vendite sul comparto auto dopo che nella notte i ministri europei dell'Ambiente riuniti a Lussemburgo hanno trovato l'accordo su alcune delicate proposte contenute nel cosiddetto Fit for 55, tra cui lo stop della vendita di auto a benzina e diesel entro il 2035.

Sul mercato valutario, prevale la cautela sull'Euro / Dollaro USA, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,47%. L'Oro è sostanzialmente stabile su 1.816,2 dollari l'oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) è sostanzialmente stabile su 111,8 dollari per barile.

Lieve calo dello spread, che scende a +188 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 3,38%.

Nello scenario borsistico europeo sessione nera per Francoforte, che lascia sul tappeto una perdita dell'1,73%, ferma Londra, che segna un quasi nulla di fatto, e in rosso Parigi, che evidenzia un deciso ribasso dello 0,90%. A Piazza Affari, il FTSE MIB è in calo (-1,21%) e si attesta su 21.834 punti in chiusura, mentre, al contrario, in rialzo il FTSE Italia All-Share, che aumenta rispetto alla vigilia arrivando a 24.166 punti.

Dai dati di chiusura di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 1,56 miliardi di euro, in ribasso (-9,59%), rispetto ai precedenti 1,73 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,42 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,39 miliardi.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, decolla Saipem, con un importante progresso del 6,98%.

Si muove in modesto rialzo ENI, evidenziando un incremento dello 0,89%.

Bilancio positivo per Recordati, che vanta un progresso dello 0,70%.

Sostanzialmente tonico Snam, che registra una plusvalenza dello 0,64%.

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su CNH Industrial, che ha terminato le contrattazioni a -4,25%.

In perdita Exor, che scende del 3,32%.

Pesante Stellantis, che segna una discesa di ben -2,79 punti percentuali.

Seduta negativa per Interpump, che scende del 2,52%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, doValue (+3,45%), Banca Popolare di Sondrio (+2,16%), Tinexta (+1,11%) e Alerion Clean Power (+0,93%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Banca MPS, che ha archiviato la seduta a -8,61%.

Sensibili perdite per Autogrill, in calo del 4,28%.

In apnea Antares Vision, che arretra del 3,94%.

Tonfo di Technogym, che mostra una caduta del 3,21%.

Tra i dati macroeconomici rilevanti:

Mercoledì 29/06/2022
01:50 Giappone: Vendite dettaglio, annuale (atteso 3,3%; preced. 2,9%)
09:00 Spagna: Prezzi consumo, mensile (atteso 0,6%; preced. 0,8%)
09:00 Spagna: Prezzi consumo, annuale (preced. 8,7%)
09:00 Spagna: Vendite dettaglio, annuale (atteso 1,3%; preced. 1,6%)
09:00 Spagna: Vendite dettaglio, mensile (preced. 5,4%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA