Entrate tributarie in forte aumento (13m7%): gioca ancora effetto decreti Rilancio e Agosto

Entrate tributarie in forte aumento (13m7%): gioca ancora effetto decreti Rilancio e Agosto
2 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Maggio 2022, 19:45

(Teleborsa) - Nel primo trimestre 2022 le entrate tributarie sono aumentate di oltre 13 miliardi (+13,7%) attestandosi a 113,4 miliardi di euro. Lo comunica il MEF, spiegando che "il significativo incremento registrato nel trimestre è influenzato sia dal trascinamento degli effetti positivi sulle entrate che si sono determinati a partire dal 2021, sia dagli effetti del "decreto Rilancio" e del "decreto Agosto", che avevano disposto, nel 2020, le proroghe delle sospensioni dei versamenti e successivamente, nel 2021, la ripresa degli stessi consentendo ai contribuenti di rateizzarli".

Nel mese di marzo le entrate tributarie sono state pari a 34,4 miliardi di euro (+2.245 milioni di euro, +7%). In particolare, le imposte dirette hanno avuto una diminuzione del 2,7% e le imposte indirette hanno registrato un forte aumento del 15,7%.

Nel primo trimestre, le imposte dirette si sono attestate a 63,1 miliardi di euro, con un aumento dell'8,7%, beneficiando dell'aumento del gettito dell'IRPEF (+3,9%) ed, in particolare, le ritenute sui redditi dei dipendenti del settore privato (+5,5%). Significativi incrementi anche per l'imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze (+180,2%) per effetto dell'andamento favorevole del mercato del risparmio gestito nel 2021 e per l'imposta sostitutiva sul valore attivo fondi pensioni (+103). Cresce anche il gettito IRES (+5%).

Le imposte indirette nel trimestre si sono portate a 50,2 miliardi di euro, con un incremento del 20,5%. All'andamento positivo ha contribuito l'IVA (+22,8%), sia la componente relativa agli scambi interni (+18,2%) sia l'IVA sulle importazioni (+57,8%) per effetto dell'andamento del prezzo del petrolio Salgono anche le entrate dell'imposta sulle assicurazioni (+3,2%) e dell'imposta di registro (+9,1%) ma non l'imposta di bollo (-6,3%).

Le entrate relative ai giochi ammontano a 3,6 miliardi di euro (+38,2%)e quelle derivanti da attività di accertamento e controllo si attestano a 3.285 milioni di euro (+84,3%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA