Eni inclusa nel Bloomberg Gender-Equality Index 2022

Eni inclusa nel Bloomberg Gender-Equality Index 2022
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Gennaio 2022, 19:00

(Teleborsa) - Eni è stata inclusa per la prima volta nel Gender-Equality Index (GEI) di Bloomberg, un indice ponderato sulla capitalizzazione di mercato che monitora le performance delle società quotate impegnate nella trasparenza nella rendicontazione dei dati di genere. L'indice, che include 418 aziende in 45 paesi e regioni, misura l'uguaglianza di genere basandosi su cinque pilastri: leadership femminile e sviluppo di talenti, parità di salario e parità di retribuzione di genere, cultura inclusiva, politiche contro le molestie sessuali, e brand a favore delle donne.

Eni ha ottenuto un punteggio totale di 75,7, superiore alla media delle imprese valutate a livello mondiale, a livello nazionale e rispetto ai propri peers. In particolare, l'azienda si è classificata ai primi posti nelle aree riguardanti le politiche contro le molestie sessuali, parità di salario e retributiva, e cultura inclusiva.

"Siamo orgogliosi del nostro inserimento nell'indice, un importante riconoscimento del percorso intrapreso da Eni per garantire la creazione di un ambiente di lavoro inclusivo, dove la parità di genere è un motore chiave di innovazione, crescita e attrazione di talenti. Le aree in cui ci siamo distinti sono il risultato delle politiche, delle attività di formazione e delle azioni messe in atto, che spaziano dalle valutazioni al monitoraggio e alla verifica di progetti su misura, studiati per favorire la diffusione di una cultura sull'uguaglianza di genere condivisa in tutta l'azienda a livello globale. Allo stesso tempo, siamo pronti a raccogliere le sfide ancora aperte sulla parità di genere, che offrono ulteriori margini di miglioramento", ha dichiarato Marwa El Hakim, Responsabile della Diversity & Inclusion di Eni.

"Siamo orgogliosi del riconoscimento ottenuto da Eni e dalle altre 417 società incluse nel GEI 2022 per il loro impegno verso la trasparenza e la definizione di un nuovo standard nella rendicontazione dei dati di genere", ha affermato Peter T. Grauer, Presidente di Bloomberg e Presidente Fondatore del 30% Club negli Stati Uniti. "Anche se la soglia di inclusione nel GEI si è alzata, l'elenco dei membri continua ad aumentare. Questa è una testimonianza del fatto che sempre più aziende stanno lavorando per migliorare le proprie metriche relative al genere, promuovendo maggiori opportunità che permettano ai talenti più eterogenei di avere successo nelle organizzazioni di cui fanno parte".

Eni ha partecipato a un'indagine sociale realizzata da Bloomberg, in collaborazione con esperti in materia a livello globale. Le aziende incluse nell'indice di quest'anno hanno ottenuto un punteggio pari o superiore a una soglia globale stabilita da Bloomberg che riflette la divulgazione e il raggiungimento o l'adozione delle migliori statistiche e politiche.Le aziende aderenti all'indice 2022 rappresentano una varietà di settori tra cui la finanza, la tecnologia e i servizi pubblici, che collettivamente hanno la più alta rappresentanza aziendale nell'indice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA