Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

De Nora punta a flottante 20%, Snam manterrà "quota di rilievo"

De Nora punta a flottante 20%, Snam manterrà "quota di rilievo"
2 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Giugno 2022, 14:15

(Teleborsa) - Industrie De Nora, multinazionale italiana specializzata nell'elettrochimica e attiva nella filiera della produzione industriale dell'idrogeno verde, punta a un flottante del 20% nella quotazione su Euronext Milan, avrà in Snam un azionista rilevante anche dopo lo barco a Piazza Affari e non esclude che la quota della famiglia Garrone Mondini possa aumentare. Lo hanno detti i vertici della società in una conferenza stampa di presentazione del progetto di quotazione in Borsa. Il collocamento dovrebbe terminare il il 27 giugno 2022, con avvio delle negoziazioni il 29 giugno.

"Snam è un socio di minoranza e un partner strategico con cui stiamo portando avanti progetti importanti", ha detto l'amministratore delegato Paolo Dellachà, sottolineando che dopo la quotazione il gestore della rete nazionale del gas avrà un "ruolo importante sia come socio che come partner". "Insieme - ha aggiunto - stiamo lavorando per la prima gigafactory italiana a idrogeno verde prevista dal PNRR, speriamo di poterla fare molto presto e, se posso sbilanciarmi, molto vicino a Milano", sede di entrambi i gruppi.

Insieme alla famiglia De Nora, che manterrà il controllo, anche Snam venderà quote nell'ambito dell'offerta per la quotazione in Borsa, ma "manterrà una quota di rilievo", ha detto il chief financial officer Matteo Lodrini. "Abbiamo trovato grande interesse tra gli azionisti istituzionali esteri - ha spiegato il CFO - e ora puntiamo a quelli italiani". Lodrini ha anche espresso l'augurio di potersi rivolgere ai piccoli risparmiatori in futuro.

"Indipendentemente dalla condizioni di mercato, stiamo lavorando da oltre un anno per accedere al mercato dei capitali e riteniamo che il nostro progetto di lungo termine possa essere apprezzato dagli investitori", ha sottolineato il direttore finanziario, che vede spazio per potenziale M&A verso società non quotate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA