Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

De Nora chiude IPO in parte bassa forchetta. Debutto il 30 giugno

De Nora chiude IPO in parte bassa forchetta. Debutto il 30 giugno
2 Minuti di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 08:30

(Teleborsa) - Industrie De Nora, multinazionale italiana specializzata nell'elettrochimica e attiva nella filiera della produzione industriale dell'idrogeno verde, ha chiuso il collocamento che la porterà a Piazza Affari a quota 13,50 euro per azione, al limite inferiore della forchetta comunicata in precedenza (tra un minimo di 13,50 euro e un massimo di 16,50 euro per azione). Il primo giorno di negoziazione su Euronext Milan e la data di consegna e pagamento delle azioni sono previsti per il 30 giugno 2022.

Sulla base del prezzo di offerta, la capitalizzazione all'inizio delle negoziazioni sarà pari a 2.723 milioni di euro. L'offerta è stata sottoscritta circa 3,5 volte al prezzo di offerta con una forte domanda da parte di investitori istituzionali a livello globale. Il ricavato complessivo derivante dall'offerta ammonterà a circa 474 milioni di euro, di cui 200 milioni di euro spettanti alla società e 274 milioni di euro spettanti agli azionisti venditori. In caso di integrale esercizio dell'opzione di over-allotment, il ricavato complessivo sarà pari a 545 milioni di euro.

L'offerta ha riguardato 40.337.034 azioni (compresa l'opzione di over-allotment) a servizio della quotazione su Euronext Milan Italia. In particolare, l'offerta comprende 35.075.682 azioni ordinarie (complessivamente pari a circa il 17,4% del capitale sociale), di cui 14.814.814 azioni offerte dalla società e 20.260.868 azioni offerte dalle aziende Federico De Nora, Asset Company 10 e Norfin. Inoltre, gli azionisti venditori hanno concesso ai collocatori un'opzione di acquisto di 5.261.352 ulteriori azioni o fino al 15% delle azioni offerte al prezzo di offerta. Se l'opzione di over-allotment sarà interamente esercitata, il flottante sarà pari a circa il 20% del capitale sociale della società.

Nell'ambito dell'offerta, Credit Suisse e Goldman Sachs International agiscono in qualità di joint global coordinators e joint bookrunners, BofA Securities, Mediobanca e UniCredit in qualità di joint bookrunners. Mediobanca agisce inoltre in qualità di sponsor ai fini dell'ammissione a quotazione delle azioni. Latham & Watkins agisce in qualità di advisor legale della società, mentre Clifford Chance è l'advisor legale dei joint global coordinators e joint bookrunners. Barabino&Partners agisce in qualità di advisor di comunicazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA