Davos 2021, Von der Leyen: produttori di vaccini rispettino i patti. Agire ora sul clima

Davos 2021, Von der Leyen: produttori di vaccini rispettino i patti. Agire ora sul clima
2 Minuti di Lettura
Martedì 26 Gennaio 2021, 12:00

Il clima, la pandemia, i vaccini ma anche i social media il cui potere è «da contenere». Tanti i temi toccati dalla presidente della Commissione europea, Ursula von deer Leyen, nel suo 'special address' alla Davos Agenda 2021. 

«Dobbiamo imparare da questa crisi cambiando il modo in cui conduciamo le nostre vite e facciamo business» e di fronte al cambiamento climatico «dobbiamo agire ora», ha detto von der Leyen sottolineando il legame fra le sfide sul piano ecologico e le pandemie e rivendicando l'importanza del green deal europeo: «la prossima pandemia è dietro l'angolo». 

L'Unione europea intende lanciare un «programma di bio-difesa» per affrontare le pandemie: «dobbiamo essere pronti, non possiamo aspettare la prossima pandemia», ha annunciato, spiegando che il programma finanzierà la ricerca e la preparazione dei vaccini, assicurerà finanziamenti e coinvolgerà il settore privato.

 L'Unione europea «ha investito miliardi per contribuire allo sviluppo dei primi vaccini contro il Covid-19. Per creare un vero bene comune globale. E ora, le compagnie devono fare la loro parte. Devono onorare i loro impegni». «È per questo che creeremo un meccanismo di trasparenza sulle esportazioni dei vaccini. L'Europa è determinata a contribuire, ma fa sul serio».

Sul fronte dei social media Von der Leyen ha sottolineato che «dobbiamo contenere il potere immenso delle grandi compagnie digitali. Significa che ciò che è illegale offline dev'esserlo anche online. Vogliamo che le piattaforme digitali siano trasparenti sugli algoritmi e sia definita chiaramente la loro responsabilità su come selezionano e diffondono contenuti». Von der Leyen, parlando del digital services act europeo, ha citato i fatti di Capitol Hill innescati dai social media, «uno shock». «L'Europa è pronta» e «voglio invitare i nostri amici negli Usa a partecipare a questa iniziativa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA