Dal Regno Unito agli USA: Omicron corre

Dal Regno Unito agli USA: Omicron corre
2 Minuti di Lettura
Martedì 7 Dicembre 2021, 15:30

(Teleborsa) - Non si ferma la marcia della pandemia in tutto il mondo che continua a correre. Nonostante la frenata imposta dai vaccini, numeri in crescita sia in Europa che negli Stati Uniti con la variante Omicron che fa letteralmente lievitare i contagi in tutte le aree del mondo. Stando ai dati del database della Johns Hopkins University, a livello globale si è arrivati a contare oltre 266 milioni di contagi, di cui 15,6 milioni negli ultimi 28 giorni.

La nuova mutazione è ormai presente in 40 Paesi e, nel Regno Unito dove alcuni scienziati temono che possano esserci già più di mille "casi sommersi" che potrebbero in poche settimane far diventare il ceppo sudafricano dominante in Gran Bretagna. E' la previsione fatta alla BBC dal professor Paul Hunter, un esperto di malattie infettive dell'Università dell'East Anglia.

Secondo lo scienziato, "si sta diffondendo un po' più rapidamente della variante Delta". E aggiunge: "Il modo in cui è probabile si diffonda nel Regno Unito resta ancora incerto, ma penso che i primi segnali siano che probabilmente si diffonderà abbastanza rapidamente e probabilmente inizierà a superare la Delta entro le prossime settimane o un mese circa". Resta ancora da comprendere quanto sia dannosa la Omicron.

Hunter stima che nel Regno Unito ci siano già più di 1.000 contagi dalla nuova variante, mentre i dati ufficiali affermano che nel Paese ci sono stati 246 casi confermati.

Corre ai ripari anche Francia, che punta sull'accelerazione della campagna vaccinale oltre che su una rigida osservanza delle misure di distanziamento sociale per evitare nuovi blocchi o coprifuoco. Le discoteche rimarranno chiuse per quattro settimane e saranno rafforzati gli obblighi per l'uso delle mascherine nelle scuole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA