Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Da riforma pensioni a salario minimo, la "formula" Tridico

Da riforma pensioni a salario minimo, la "formula" Tridico
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Giugno 2022, 13:00

(Teleborsa) - "Lavori poveri e troppo discontinui produrranno pensioni povere. Pensioni che, per essere dignitose e garantire una base di sussistenza, dovranno essere integrate dallo Stato e, quindi, dalla fiscalità generale".

Lo ha detto il Presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, in un'intervista sull'ultimo numero di Previndai Media Player, la newsletter multimediale del fondo pensione dei dirigenti industriali. "Prima di questo - prosegue - dovremmo cercare di fare riforme che diano a milioni persone sottopagate o pagate in nero un salario minimo legale, contratti con adeguati livelli di tutele e rappresentanza sindacale, incentivi al lavoro femminile e prospettive per i giovani".

Secondo Tridico "resta comunque da affrontare la questione più generale di una maggiore flessibilità in uscita dal mondo del lavoro, che superi la rigidità delle quote adottate finora senza dimenticare la sostenibilità per le casse dello Stato".

Il numero uno dell'Inps considera ancora attuale l'idea avanzata nei mesi scorsi: "La mia proposta riesce a coniugare la libera scelta di un individuo di anticipare l'eta' del proprio pensionamento, con un calcolo che non penalizza l'assegno in modo permanente. Prevede che chi voglia andare dai 63 anni in poi in pensione anticipata, riceva dal momento del pensionamento e fino ai 67 anni una quota di pensione calcolata in base ai propri versamenti con il sistema contributivo (versamenti post 1996) e che dai 67 anni riceva la pensione piena, sommando quota contributiva e quota retributiva, quest'ultima ovviamente calcolata sui contributi ante 1996. Questa formula avrebbe un impatto molto limitato sui conti pubblici e garantirebbe una ulteriore forma di flessibilità, lasciando all'individuo la valutazione del momento in cui anticipare l'uscita".

Parlando della reversibilità della pensione "La misura è stata già oggetto di diversi interventi di riduzione. Quindi, non penso sia oggi opportuno ritornare sul tema", ha detto Tridico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA