Da riduzione costo lavoro a fiscalità light, una nuova idea di Sud

Mercoledì 23 Settembre 2020

(Teleborsa) - Il Ministro per il Sud e la Coesione territoriale Giuseppe Provenzano ha incontrato ieri a Bruxelles diversi membri della Commissione europea per parlare "delle nuove possibilità che si aprono per l'Italia, in particolare quanto riguarda i divari territoriali tra Nord e Sud", con i nuovi strumenti del piano di ripresa post pandemica Next Generation EU, in combinazione con i Fondi strutturali della nuova programmazione del bilancio comunitario 2021-2027, come ha riferito ad alcuni giornalisti, che lo aspettavano all'uscita dalla Commissione.

"Abbiamo affrontato insieme priorità e strumenti con i quali attuare il Piano Sud, che avevamo presentato prima della pandemia e che adesso diventa ancora più attuale, e che deve essere accompagnato con misure straordinarie", ha continuato Provenzano, che ha incontrato il Commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni, la Vicepresidente responsabile per la Concorrenza Margrethe Vestager, e i Commissari alla Coesione, Elisa Ferreira, e al Lavoro e Diritti sociali, Nicolas Smith.

In particolare, ha precisato il Ministro, si è discusso di "riduzione del costo del lavoro al Sud, con la cosiddetta fiscalità di vantaggio sul lavoro, e abbiamo individuato un percorso che ci porterà a definirla nei prossimi anni in maniera compatibile con le regole europee. Oggi - ha rilevato - è una misura del tutto compatibile col Quadro temporaneo" sugli aiuti di Stato, in vigore da quando è scoppiata la pandemia di coronavirus. "Ma noi - ha aggiunto - dobbiamo avere un'ambizione più alta: quella di accompagnare con questa misura l'intero ciclo di programmazione, con il quale vogliamo davvero prendere di petto il tema del Sud, coordinandoci tra Next Generation Eu e nuovi Fondi strutturali".

"Devo dire - ha continuato Provenzano - che è stato apprezzato l'approccio strategico che abbiamo adottato, proprio per quell'orizzonte lungo che e' stato invece da alcuni criticato in Italia; e' il tassello di una strategia che solo così si giustifica e si può realizzare".

Gli incontri si sono conclusi "con l'impegno da parte di tutti i Commissari a lavorare sul piano tecnico nelle prossime settimane", da una parte "con i Ministeri interessati in Italia", e dall'altra con "una task force interservizi della Commissione".
Si tratta, secondo il Ministro, di "una opportunità storica che non va sprecata: in Italia il Sud è il principale problema da risolvere ma anche una grande opportunità".

© RIPRODUZIONE RISERVATA