Criptovalute, l'Unione Europea propone nuove direttive per regolarne la trasparenza

I fornitori saranno obbligati a segnalare tutte le transazioni

Criptovalute, l'Unione Europea propone nuove direttive per regolarne la trasparenza
2 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Dicembre 2022, 14:07

Nuovo piano di Bruxelles per la gestione delle criptovalute. La Commissione Ue ha deciso di lanciare nuove regole per favorire la trasparenza fiscale per tutti i fornitori di criptovalute: «indipendentemente dalle loro dimensioni o dalla loro ubicazione, saranno obbligati a segnalare tutte le transazioni dei clienti residenti nell' Ue», fa sapere la Commissione.

Enria (BCE): banche poco interconnesse con cripto-asset, ma rimanere vigili

Criptovalute: l'UE vuole maggior trasparenza

«Le autorità fiscali attualmente non dispongono delle informazioni necessarie per monitorare i proventi ottenuti utilizzando cripto-asset, che possono essere facilmente scambiati oltre confine. Ciò limita fortemente la loro capacità di garantire che le tasse siano effettivamente pagate portando i cittadini europei a perdere importanti entrate fiscali», evidenzia Bruxelles.

Le nuove direttive mirano inoltre a stabilire un livello minimo di sanzioni per situazioni che non siano conformi alle nuove regole. La Commissione Europea ha già inviato i testi legislativi al Parlamento europeo per consultazione e al Consiglio per adozione. Le previsioni dicono che dal 1° gennaio 2026 dovrebbero dunque entrare in vigore i nuovi obblighi di segnalazione in materia di criptovalute, moneta elettronica e valute digitali.

La BCE contro il Bitcoin: avviato all'irrilevanza, non deve essere legittimato

© RIPRODUZIONE RISERVATA