Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, Draghi detta la linea per le misure di Natale su terza dose, tamponi e mascherine

Covid, Draghi detta la linea per le misure di Natale su terza dose, tamponi e mascherine
3 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Dicembre 2021, 09:00
(Teleborsa) - Nel corso della conferenza stampa di fine anno il presidente del Consiglio Mario Draghi non ha fornito nessun dettaglio delle misure che il Governo si accinge a mettere in campo per rallentare i contagi durante le festività di Natale ma ha chiarito i punti fermi che orienteranno le sue scelte. Innanzitutto i provvedimenti non mireranno a togliere ulteriori spazi di libertà agli italiani, anzi: l'obiettivo è esattamente l'opposto. "Faremo tutto il necessario per difendere quel poco di normalità che abbiamo raggiunto", ha spiegato Draghi. Nessun lockdown in vista, neanche per i No Vax, scuola sempre in presenza e una vita sociale "soddisfacente".

Il presidente del Consiglio ha poi chiarito che le decisioni di Palazzo Chigi saranno guidate "dai dati e solo dai dati, non dalla politica come si dice in giro". Il terzo punto è rappresentato dai vaccini, che restano la "miglior difesa" e sono stati "essenziali" per rilanciare l'economia, che crescerà oltre il 6%. Dunque immunizzarsi e fare la terza dose sono la "priorità".

Le misure. Un punto sul quale c'è sostanziale accordo tra le forze politiche, anche perché molte regioni si sono già mosse da sole, è l'obbligo di mascherina all'aperto anche in zona bianca. Draghi ha però fornito qualche indicazione in più: il Governo sta infatti pensando di imporre l'uso della Ffp2 per tutti i luoghi chiusi, dunque nei posti di lavoro, sui mezzi pubblici ma anche in cinema, teatri e ristoranti. Accordo tra i partiti anche su una nuova riduzione della durata del Green Pass che varrà 6 mesi. Una decisione strettamente collegata a quella che arriverà dall'Aifa nelle prossime ore: l'anticipo del booster da 5 a 4 mesi e l'estensione della terza dose anche ai 12-18enni. Il certificato, ha sottolineato Draghi "è diventato un po' enfaticamente uno strumento di libertà" e, invece, bisogna fare i conti con il calo della protezione dei vaccini dopo 6 mesi.

Non dovrebbe far parte del pacchetto di misure varante per le feste di Natale l'obbligo vaccinale per tutta la popolazione ma dovrebbero aumentare le categorie per le quali invece sarà previsto. Per quali dipenderà il tasso di prevalenza di Omicron: se superiore al 20% potrebbe scattare per tutti i luoghi di lavoro, se inferiore solo per quelle categorie che entrano in contatto con il pubblico. Il presidente del Consiglio ha comunque affermato che lo strumento dello smart working tornerà ad essere utilizzato in maniera massiccia.

Infine, un'ultima indicazione anche per quel che riguarda i tamponi, ambito in cui Draghi ha confermato che il governo vuole intervenir. "Nel Green pass c'è un periodo in cui la protezione delle prime due dosi decresce rapidamente e la terza non è ancora stata fatta. E in quel periodo può essere utile fare un tampone". Dunque con ogni probabilità chi vorrà partecipare ai veglioni di Capodanno o andare in discoteca dovrà fare il tampone se non ha fatto il booster.

© RIPRODUZIONE RISERVATA