Coronavirus, Pasqua: Federalimentare e Banco Alimentare insieme per gli indigenti

Venerdì 10 Aprile 2020
(Teleborsa) - Federalimentare, la federazione che rappresenta le associazioni dell'industria alimentare, e Fondazione Banco Alimentare Onlus, l'organizzazione di solidarietà impegnata quotidianamente nel recupero di generi alimentari destinati alle persone bisognose, si sono unite per fronteggiare la pandemia e aiutare gli indigenti.

"Ho asserito più volte che il settore alimentare non si sarebbe tirato indietro di fronte all'emergenza e che non avrebbe fatto mancare cibo nei supermercati. A maggior ragione le nostre aziende non possono non aiutare chi in questo momento ha difficoltà persino a fare spesa. Aiutiamo il Paese ed aiutiamo anche chi ha bisogno" ha detto Ivano Vacondio, presidente di Federalimentare.

Sono numerosissime – spiega la Federazione una nota – le aziende collegate a Federalimentare che, oltre ai contributi già erogati autonomamente, hanno deciso di unificare gli sforzi e donare prodotti alimentari ai meno fortunati che in questo momento soffrono le difficoltà estreme conseguenti al Coronavirus. Tra gli alimenti donati figurano pasta, olio, legumi, formaggi, ma anche tonno, carne in scatola, derivati del pomodoro, prodotti per la prima colazione e per l'infanzia per un totale di oltre 100 tonnellate di cibo che le aziende alimentari hanno già donato in questa prima settimana.

Grazie alla Rete Banco Alimentare presente su tutto il territorio nazionale con le sue 21 sedi – spiega la nota – i prodotti donati possono essere poi redistribuiti alle associazioni che sul territorio sostengono i più bisognosi anche per il periodo di Pasqua.

"Solo unendo le nostre forze possiamo superare questo momento difficile – ha commentato Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus –. Per questo ringraziamo Federalimentare e tutte le aziende che stanno dando il proprio contributo. In questo periodo, in cui purtroppo il numero delle persone bisognose non fa che aumentare, il loro aiuto tempestivo risulta particolarmente prezioso. Bisogna continuare sulla strada della collaborazione e della solidarietà perché la crisi sociale si protrarrà nel tempo".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani