CORONAVIRUS

Coronavirus, decreto Aprile: stop licenziamenti per altri due mesi, congedi speciali fino a settembre

Domenica 26 Aprile 2020
Coronavirus, decreto Aprile: stop licenziamenti per altri due mesi, congedi speciali fino a settembre

La tutela del lavoro, a maggior ragione adesso con il coronavirus, come prima cosa. Nel decreto Aprile che il governo si accinge a varare dovrebbe esserci lo stop ai licenziamenti per altri due mesi e congedi speciali fino a settembre.

LEGGI ANCHE Coronavirus: turismo, arene e ristoranti si punta a riaprire il 18 maggio

Niente licenziamenti, probabilmente per altri due mesi. Il governo dovrebbe inserire nel prossimo decreto di aprile la proroga della sospensione dei licenziamenti collettivi e dei licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo (ad esempio ragioni inerenti all'attività produttiva, e all'organizzazione del lavoro) già inserita nel Cura Italia. La misura completerebbe il pacchetto di protezione del lavoro, che dovrebbe vedere uno stanziamento di circa 24 miliardi per il rinnovo di tutti gli ammortizzatori.

LEGGI ANCHE Coronavirus fase 2: lunedì 27 aprile ripartono fabbriche, cantieri e ristrutturazioni

Congedi speciali. In arrivo, come annunciato dal ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, il rinnovo dei congedi speciali e del bonus babysitter da 600 euro per aiutare i genitori con i figli a casa da scuola. Il congedo speciale, secondo quanto apprende l'Ansa, dovrebbe essere di altri 15 giorni retribuiti al 50% di cui i genitori (uno solo o dividendoli tra entrambi) potranno usufruire fino a settembre.

LEGGI ANCHE La ministra Bonetti: «Sì a riapertura di scuole infanzia e centri estivi, più congedi parentali e un assegno mensili per i figli»
 

Il presidente dell'Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro, nel corso della Cabina di Regia tra Governo, Regioni, Comuni e Province secondo quanto si apprende avrebbe sollevato anche la problematica "bambini" ponendo la questione: «Va bene il congedo, ma ai lavoratori (lavoratrici) che non vogliono usufruirne quali strumenti diamo?».
 

Ultimo aggiornamento: 27 Aprile, 01:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA