Coronavirus, Gualtieri: "Bene parole von der Leyen. Avanti su Coronabond"

Giovedì 2 Aprile 2020
(Teleborsa) - Giudicate positivamente dal ministro dell'economia Roberto Gualtieri le nuove parole di apertura verso l'Italia della presidente della commissione europea Ursula von der Leyen. "È un primo passo importante – afferma Gualtieri – e dimostra che l'Italia ha fatto bene ad aprire un dibattito europeo sulla necessità di una risposta comune a una crisi senza precedenti" attraverso l'emissione di titoli comuni (i cosiddetti coronabond). Finora, ha sottolineato Gualtieri ai microfoni del Tg1, dalla Bce sono state messe in campo "risorse importanti, ma pensiamo che lo sforzo comune europeo debba essere ancora maggiore. Insieme ad altri Paesi, e a una fetta crescente dell'opinione pubblica europea, stiamo chiedendo una risposta straordinaria che porti all'emissione di titoli comuni per affrontare l'emergenza".

Sul fronte nazionale il Ministro ha annunciato nuovi consistenti interventi sulla liquidità. Un'anticipazione dei contenuti del prossimo decreto per l'emergenza coronavirus che – ha assicurato Gualtieri – sarà "un provvedimento molto importante per potenziare l'intervento sulla liquidità, con altri 200 miliardi di prestiti garantiti che copriranno fino al 25% del fatturato di tutte le imprese, con il 90% di garanzia dello Stato. Sarà un impegno significativo tra i più forti in Europa".

Con il prossimo decreto – ha aggiunto il Ministro – avverrà anche un "rifinanziamento della cassa integrazione" e "aumenterà l'indennità per i lavoratori autonomi, cercando di accelerare le modalità di riscossione. Poi sosterremo i Comuni e le Regioni e naturalmente lo sforzo straordinario della sanità e della Protezione civile. Nessuno sarà lasciato da solo".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani