CORONAVIRUS

Coronavirus, Confcommercio: «Con la Fase 2 danni gravissimi». Federcuochi: «Morte della ristorazione»

Lunedì 27 Aprile 2020

Con la Fase 2 si rischiano danni gravissimi a imprese e lavoro. È l'allarme lanciato da Confcommercio: «La Fase 2 rinvia la riapertura degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi e di tante attività del turismo e dei servizi. Ogni giorno di chiusura in più produce danni gravissimi e mette a rischio imprese e lavoro», ha dichiarato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli, commentando le disposizioni annunciate dal Presidente del Consiglio.

Coronavirus, decreto 4 maggio: testo completo, ecco cosa cosa si potrà fare
Coronavirus, dal 4 maggio si riapre: visite ai familiari ma con mascherina, resta l'autocertificazione

«In queste condizioni - sottolinea - diventa vitale il sostegno finanziario alle aziende con indennizzi a fondo perduto che per adesso non sono ancora stati decisi. Bisogna invece agire subito e in sicurezza per evitare il collasso economico di migliaia di imprese». «Chiediamo - conclude Sangalli - al Presidente Conte un incontro urgente, anzi urgentissimo per discutere di due punti: riaprire prima e in sicurezza; mettere in campo indennizzi e contributi a fondo perduto a favore delle imprese».

Allarme Federcuochi. "Rinviare la riapertura al 1° giugno significa morte della ristorazione". Così la Federcuochi commenta le nuove date stabilite dal Governo per la Fase 2 dell'emergenza Coronavirus. "Rimandare ancora la ripartenza del settore, già agonizzante dopo mesi di mancati incassi, vuol dire dare il colpo di grazia ad un comparto enorme, fatto di migliaia di piccole e grandi imprese che danno lavoro a centinaia di migliaia di addetti e che producono un indotto miliardario per tutto il Paese. Deve essere chiaro questo concetto.C’è la responsabilità di un fermo che oggi il sistema produttivo non riesce più a sostenere. Cosa si aspetta per far ripartire il settore, che le nostre aziende vengano prima comprate all’incanto da altre società estere? La nostra ristorazione ha ancora un valore, ma ogni giorno di fermo la rende sempre più debole e la svaluta sempre più. Riceviamo ogni giorno il grido d'aiuto dei nostri associati, tra loro ci sono famiglie intere impegnate nei ristoranti o nei catering rimaste senza lavoro e senza soldi, 400mila lavoratori stagionali sono restati a casa senza alcuna prospettiva di guadagno per l'anno in corso. Gli affitti continuano ad essere pretesi dai proprietari dei locali, le tasse finora sospese a breve verranno comunque pretese dallo Stato mentre nessuna certezza ci è stata fornita per il futuro: è stata concessa la cassa integrazione ma i fondi non sono ancora arrivati, così come i tanto promessi aiuti economici alle imprese. Oltre alle previste mascherine, abbiamo inviato molte proposte per la ripresa delle attività di ristorazione in totale sicurezza - prosegue Federcuochi - dai moduli in plexiglass sui tavoli alle cloche in carta riciclabile per i piatti in arrivo dalle cucine, dall'ingresso con autodichiarazione per familiari e conviventi alle custodie biodegradabili per tovaglioli, posate e pane dei vari coperti. Malgrado ciò siamo rimasti inascoltati. Chiediamo che venga imposta la sospensione o almeno la riduzione degli affiti per i mesi di inattività, così come il rinvio e la riduzione dei versamenti delle imposte, di trovare insieme e presto le soluzioni più efficaci per non far collassare ristorazione e ospitalità. Altrimenti - conclude Federcuochi - al rischio emergenza sanitaria si aggiungerà la certezza della tragedia economica".

Ultimo aggiornamento: 16:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani