Coronavirus, crescono vittime in Italia ma frenano casi in Asia

Mercoledì 26 Febbraio 2020
(Teleborsa) - Resta elevata l'allerta Coronavirus in tutto il mondo: in Italia aumentano le vittime (11 morti, di cui 4 anziani nelle ultime ore, e 322 contagiati); in Cina c'è qualche segnale di rallentamento (solo 52 decessi oggi, il numero di più basso da quando è scoppiata l'emergenza, che però porta il numero totale delle vittime a 2.715 con oltre 80 mila contagiati sinora); la Corea del Sud è nel pieno dell'epidemia e si registra un aumento dei casi oltre la soglia di 1.000 con un soldato statunitense fra i nuovi contagiati scoperti.

Gli Stati Uniti stanno a guardare, ma l'ennesimo capitombolo di Wall Street testimonia che gli USA potrebbero non restare esenti dall'epidemia ed, anzi, Oltreoceano si teme la pandemia, sinora esclusa dall'OMS. L'Organizzazione, però, avverte che il mondo "semplicemente non è pronto" per fronteggiare la diffusione dell'epidemia.

Mentre ovunque si fanno i conti con vittime e contagiati, prosegue il tentativo delle autorità di limitare i danni all'economia, con nuove misure di stimolo e misure di emergenza allo studio o già annunciate un po' ovunque. Inutile ricordare i ripetuti interventi delle autorità monetarie cinesi e le risorse che il Presidente Trump avrebbe già fatto mettere a budget per affrontare il nodo Coronavirus (2,5 miliardi di dollari per una emergenza che ancora non c'è).

ARRIVANO MISURE DI STIMOLO A HONG KONG

Il governo di Hong Kong ha annunciato incentivi record di 10 mila dollari di Hong Kong a persona, per tutti i residenti maggiorenni, nel tentativo di sanare le ripercussioni sull'economia del Coronavirus ed, anche, delle agitazioni politiche che hanno sconvolto la provincia autonoma. Gli stimoli peseranno nel budget annuale per 120 miliardi di dollari HK ed il Ministro delle Finanze Paul Chan attende un'esplosione del deficit ad oltre 139 miliardi, il primo passivo del bilancio pubblico in 15 anni.l


ITALIA VALUTA IMPATTO ECONOMICO E STUDIA MISURE EMERGENZA

Anche l'Italia sta valutando le misure economiche da adottare: dagli incentivi fiscali alla sospensione delle rate dei mutui. Il Premier Conte ha ammesso che l'impatto economico del Coronavirus "potrebbe rivelarsi fortissimo", ma per ora non si possono fare previsioni.

E' però apparso piuttosto tranquillo il Ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, che stima un impatto da Coronavirus "limitato" sulla crescita dell'economia italiana ed assicura che lo stato dei conti pubblici è buono e consentirà di trovare le risorse per affrontare anche l'emergenza sanitaria. Intervenendo a "DiMartedi'" su La7, il titolare del dicastero di Via XX Settembre ha poi confermato che si stanno studiando delle misure per affrontare l'emergenza ed i suoi effetti negativi: un decreto arriverà venerdì e l'altro la settimana prossima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani