Conti pubblici, valutazioni del Governo più accurate dopo istituzione dell'UPB

Conti pubblici, valutazioni del Governo più accurate dopo istituzione dell'UPB
2 Minuti di Lettura
Giovedì 20 Gennaio 2022, 15:00

(Teleborsa) - Dopo l'istituzione dell'Ufficio Parlamentare di Bilancio le previsioni economiche del governo indicate nel DEF si sono rilevate più accurate con il margine di errore medio sul PIL reale dell'anno successivo che si è ridotto da 1,5 punti (nel periodo 2000-I sem. 2014) a circa un quarto di punto (nel periodo II sem. 2014-2019). È quanto emerge dal focus tematico "Una valutazione storica delle previsioni macroeconomiche del MEF e dell'UPB" pubblicato oggi.

"Nel periodo in cui ha operato l'UPB le previsioni del MEF sono diventate più bilanciate, soprattutto sul PIL reale, risultando marginalmente pessimistiche per l'anno in corso" si legge nella ricerca. "Permane un ottimismo non trascurabile sul PIL nominale" prosegue il Focus "tanto più marcato all'ampliarsi dell'orizzonte di previsione, in parte ascrivibile alle ipotesi adottate sulle clausole di salvaguardia (aumento programmato delle aliquote IVA) nelle proiezioni di finanza pubblica".

"Anche l'accuratezza delle stime, riferita alla dimensione degli errori, è migliorata nella seconda metà dello scorso decennio, sebbene vi siano ancora margini di ulteriore miglioramento per il PIL nominale, soprattutto sugli orizzonti più lunghi", sottolinea l'UPB. "Nel confronto con altri previsori istituzionali, come l'UPB e la Commissione europea, le previsioni macroeconomiche del Governo nel 2014-19 sono state lievemente più distorte e meno accurate. Negli stessi anni la differenza tra le previsioni ufficiali e quelle degli analisti privati si è decisamente ridotta, segnalando l'intenzione del Governo di essere più coerente con le attese prevalenti all'esterno", conclude la ricerca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA