Coinbase, CEO smentisce rischio bancarotta dopo comunicazione SEC

Coinbase, CEO smentisce rischio bancarotta dopo comunicazione SEC
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 11 Maggio 2022, 10:30

(Teleborsa) - L'exchange di criptovalute statunitense Coinbase ha registrato un calo del 35% delle entrate totali a 1,17 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2022. Gli analisti, secondo dati Refinitiv, si aspettavano 1,48 miliardi di dollari. I volumi di scambio sono scesi a 309 miliardi di dollari dai 335 miliardi di dollari dell'anno precedente. Il trading retail ha visto i volumi diminuire del 38% a 74 miliardi di dollari, mentre il segmento istituzionale è cresciuto del 9% a 235 miliardi di dollari. La perdita netta attribuibile agli azionisti è stata di 429,7 milioni di dollari, o 1,98 dollari per azione, rispetto all'utile netto di 387,7 milioni di dollari, o 3,05 dollari per azione, dell'anno precedente.

Oltre che risultati sotto le attese, a preoccupare gli investitori è stata la comunicazione alla Securities and Exchange Commission (SEC) che, in caso di fallimento della società, le criptovalute detenute dall'exchange potrebbero essere considerate proprietà della procedura fallimentare e i clienti potrebbero essere tra gli ultimi a essere pagati.

"Non abbiamo alcun rischio di bancarotta", ha scritto Twitter il CEO Brian Armstrong dopo la divulgazione del documento, che secondo lui è stato diffuso solo per soddisfare i requisiti della SEC. Ha affermato che è improbabile che "un tribunale decida di considerare i beni dei clienti come parte della società in una procedura fallimentare", anche se ha affermato che è ancora possibile. "Avremmo dovuto aggiornare i nostri termini di vendita al dettaglio prima e non abbiamo comunicato in modo proattivo quando è stata aggiunta questa divulgazione del rischio - ha aggiunto - Le mie più profonde scuse".

© RIPRODUZIONE RISERVATA