Cina, PIL cresce meno delle attese. Banca centrale taglia i tassi

Cina, PIL cresce meno delle attese. Banca centrale taglia i tassi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 17 Gennaio 2022, 08:00

(Teleborsa) - La Cina ha superato le attese degli analisti in quanto a crescita nel quarto trimestre del 2021, anche se ha deluso per quanto riguarda l'intero anno. Secondo gli ultimi dati pubblicati dall'Ufficio Nazionale di Statistica di Pechino, l'economia cinese ha chiuso l'anno scorso con un Prodotto Interno Lordo (PIL) in crescita dell'8,1%. Il dato è superiore alle aspettative del governo, che erano per una crescita "superiore al 6%", ma inferiore a quelle del mercato, che prevedevano un +8,4%. Il quarto trimestre dell'anno ha registrato un'espansione dell'economia del 4% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, contro attese per un +3,6%, mentre su base congiunturale l'aumento è stato dell'1,6%, rispetto a un +1,1% atteso degli analisti.

La produzione industriale per l'intero anno ha segnato un +4,3%, battendo il consensus del +3,6%. Le vendite al dettaglio hanno invece mancato le aspettative e sono cresciute dell'1,7% a dicembre rispetto a un anno fa. Il mercato si aspettava un +3,7%. Su questo dato incide il fatto che il governo ha inasprito le misure contro il coronavirus in diverse parti del paese, comprese le città di Xi'an e Tianjin. "Dobbiamo essere consapevoli che l'ambiente esterno è più complicato e incerto e l'economia interna è sotto la triplice pressione della contrazione della domanda, dello shock dell'offerta e dell'indebolimento delle aspettative", ha affermato l'Ufficio Nazionale di Statistica di Pechino in una nota.

Gli investimenti fissi sono cresciuti del 4,9% nel 2021, superando le aspettative per una crescita del 4,8%. Il tasso di disoccupazione urbana a dicembre corrispondeva alla media dell'anno del 5,1%. Il tasso di disoccupazione tra i 16 ei 24 anni è rimasto molto più alto, al 14,3%.

Intanto, la People's Bank of China (PBOC) ha abbassato il tasso sui suoi prestiti assicurativi a un anno di 10 punti base al 2,85%, anche perché i problemi al mercato immobiliare e la recrudescenza del covid-19 hanno frenato la crescita economica. Si tratta del primo taglio al tasso di interesse chiave per la prima volta in quasi due anni, ovvero dall'aprile 2020. Insieme al taglio dei tassi, la PBOC ha anche iniettato più liquidità offrendo 700 miliardi di yuan di prestiti a un anno, superando i 500 miliardi di yuan in scadenza, e ha aggiunto 100 miliardi di yuan con pronti contro termine a sette giorni, più dei 10 miliardi dovuti. La banca ha anche abbassato il seven-day reverse repurchase rate dal 2,2% al 2,1%.

(Foto: © Sattapapan / 123RF)

© RIPRODUZIONE RISERVATA