Cdp, via libera alla cessione dell’Ex Ospedale al Mare: diventerà un parco tecnologico

Ex Ospedale al Mare, Lido di Venezia.
4 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Settembre 2022, 18:42

Cassa Depositi e Prestiti, attraverso la controllata Cdp Immobiliare Sgr, ha accettato l’offerta vincolante presentata dall’imprenditore tedesco Frank Gotthardt, fondatore e presidente di CompuGroup Medical, azienda attiva a livello mondiale nel settore della sanità digitale, per l’acquisto del complesso denominato Ex Ospedale al Mare al Lido di Venezia. 

La proprietà immobiliare, situata nell'area nord del Lido, si estende su una superficie di circa sei ettari e fa parte del portafoglio del Fondo Investimenti per a Valorizzazione (Fiv) - Comparto Extra, gestito da Cdp Immobiliare Sgr. Il compendio è composto da 29 padiglioni che saranno interamente recuperati.

La riqualificazione

«La vendita dell’Ex Ospedale al Mare avverrà in attuazione del Piano Strategico 2022-2024 del Gruppo Cdp e in coerenza con le direttrici di intervento della Direzione Immobiliare che prevedono la possibilità di effettuare interventi di riqualificazione su larga scala con un impatto positivo per la città, il territorio e le istituzioni locali, anche attraverso il coinvolgimento di capitali privati, una volta completato il processo di valorizzazione urbanistica», spiega Cdp in un comunicato. Il trasferimento della proprietà del complesso a favore di Frank Gotthardt si perfezionerà a conclusione dell’iter amministrativo di valorizzazione ed all’ottenimento delle autorizzazioni da parte
di tutti gli Enti interessati.

Scopo dell'acquisizione dell'ex Ospedale al Mare è quello di dare vita al progetto «Mare», un eHealth Technopark, ossia un parco tecnologico dedicato all'innovazione e alla ricerca nella  sanità digitale e finalizzato allo sviluppo, applicazione e  commercializzazione di applicazioni innovative e di intelligenza artificiale per il settore medicale.  L'intervento prevede la riqualificazione dell'area seguendo i  principi di massima sostenibilità, conservazione e nel pieno  rispetto dell'eco-sistema ambientale. La volontà di Frank  Gotthardt è, inoltre, quella di rendere l'eHealth Technopoark un  ambiente di lavoro e ricerca innovativo, focalizzato sulla  sanità digitale, con un'attenzione  particolare ad un'elevata  qualità della vita privata e professionale. Un luogo dove università, ricercatori, aziende, startup e spin-off del mondo  e dare vita a sinergie industriali e tecnologiche in grado di contribuire allo sviluppo
del settore sanitario italiano. Il progetto prevede anche il recupero di spazi ad accesso pubblico, edifici e aree verdi, già presenti nell'ambito della riqualificazione al Lido. Mare consentirà, infatti, di realizzare spazi pubblici e privati di aggregazione restituendo alla comunità luoghi storici inutilizzati da tempo quali il Teatro Marinoni e la Chiesa di Santa Maria Nascente.

«Ho dedicato tutta la mia vita alla ricerca e allo sviluppo delle tecnologie più innovative per sostenere gli operatori sanitari e garantire migliori condizioni di salute alle persone, perché credo fermamente che le corrette informazioni mediche, nel posto giusto al momento giusto, possano salvare la vita, prevenire le sofferenze e aiutare a curare le malattie», dichiara Frank Gotthardt.  «Ed è da questa visione che nasce l’idea dell’eHealth Technopark. Un progetto che mira a creare un ecosistema innovativo e vivace nel settore della sanità digitale in cui aziende, startup e ricercatori possono collaborare tra loro per trovare le soluzioni migliori e più efficaci per il futuro e la salute delle persone. Da subito, MARE è pronto per diventare un ambiente immersivo pienamente integrato nella vita del Lido e della città di Venezia, in grado di attrarre e trattenere talenti con un perfetto equilibrio tra lavoro, vita privata e opportunità di crescita professionale», aggiunge il presidente di CompuGroup Medical.

© RIPRODUZIONE RISERVATA