Cdp lancia nuovo Sustainability Bond da 750 milioni

Cdp lancia nuovo Sustainability Bond da 750 milioni
3 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Settembre 2022, 20:15 - Ultimo aggiornamento: 21:04

Cdp torna sul mercato dei capitali lanciando un nuovo Sustainability Bond destinato a investitori istituzionali per un ammontare complessivo di 750 milioni di euro. Si tratta dell'ottava emissione Esg collocata a partire dal 2017, per un totale di 5,5 miliardi.

A dimostrazione del forte interesse da parte dei mercati finanziari per le emissioni obbligazionarie sostenibili di Cdp, l'operazione ha fatto registrare ordini per circa 1,3 miliardi di euro ed è stata accolta da oltre 70 investitori con una significativa partecipazione dall'estero (68%) ed una presenza di investitori ESG pari a circa il 70%.

Il nuovo Sustainability Bond non assistito da garanzie e con una cedola annua lorda pari a 3,50% e una scadenza pari a 5 anni.

I proventi della nuova emissione, che rientra nel Green, Social and Sustainability Bond Framework di Cdp, saranno dedicati a iniziative green e social, tra cui l'efficientamento energetico e le energie rinnovabili, oltre all'efficientamento idrico, alle infrastrutture sociali e alla cooperazione internazionale.

Le iniziative selezionate ai fini dell'emissione, in coerenza con quanto stabilito dal Piano Strategico 2022-2024 di Cdp, sono allineate alle priorità di intervento individuate dalle Linee Guida Strategiche Settoriali relative alla Transizione Energetica, alle Infrastrutture Sociali e alla Tutela e Salvaguardia del Territorio. L'operazione è inoltre in linea con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Il direttore Amministrazione, finanza e controllo della Cassa, Fabio Massoli, ha dichiarato che l'emissione "rafforza l'impegno di Cdp sul fronte della finanza sostenibile e contribuisce a raccogliere nuove risorse, nazionali e internazionali, a favore prevalentemente dell'efficientamento energetico e idrico e delle energie rinnovabili, a beneficio del sistema Paese. La domanda registrata da parte degli investitori istituzionali, alla luce del contesto particolarmente complesso, è stata significativa e rappresenta un'iniezione di fiducia da parte del mercato nei confronti di CDP e del suo ruolo a sostegno dello sviluppo sostenibile dell'Italia".

Il rating a medio-lungo termine dei titoli, per i quali è stata fatta domanda di ammissione alle negoziazioni presso la Borsa di Dublino, è atteso pari a BBB per S&P, BBB per Fitch e BBB+ per Scope.

Bnp Paribas, Banca Akros - Gruppo Banco Bpm, Barclays, Hsbc, Intesa Sanpaolo (Divisione Imi Cib), Santander, Societe Generale, UniCredit hanno agito in qualità di Joint Lead Managers e Joint Bookrunners dell'operazione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA