CDP, DFI dei Paesi G7 investono oltre 80 miliardi di dollari in Africa nel settore privato

CDP, DFI dei Paesi G7 investono oltre 80 miliardi di dollari in Africa nel settore privato
4 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Giugno 2021, 15:00

(Teleborsa) - Le Development Finance Institutions (DFI) dei Paesi del G7, la International Finance Corporation (IFC), la African Development Bank, la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) e la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) oggi hanno annunciato l'impegno a investire 80 miliardi di dollari nel settore privato nei prossimi cinque anni, per supportare la ripresa e la crescita economica sostenibili dell'Africa.

"La pandemia da Covid-19 – spiega Cassa depositi e prestiti in una nota – ha provocato una grave crisi economica e sanitaria mondiale. L'annuncio darà un importante impulso agli obiettivi di sviluppo di lungo termine delle economie africane duramente colpite dalla crisi. È la prima volta che le DFI del G7 uniscono le forze in un impegno collettivo a favore del Continente Africano".

Secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), l'Africa Sub-Sahariana avrebbe bisogno di circa 425 miliardi di dollari di finanziamenti aggiuntivi entro il 2025, per rafforzare la risposta alla crisi pandemica e ridurre la povertà nella regione.

"La BEI – ha commentato Werner Hoyer, presidente della Banca Europea per gli Investimenti – apprezza l'impegno dei leader del G7 nel promuovere investimenti ad alto impatto in tutta l'Africa, durante e dopo la pandemia. L'anno scorso, l'impegno della BEI in Africa nell'ambito dell'iniziativa Team Europe ha rappresentato la più importante azione di sempre per il clima e per gli Stati più fragili, nei 55 anni di presenza della BEI nel Continente. Siamo pronti a proseguire la cooperazione con istituzioni africane e multilaterali per contrastare la pandemia e accelerare la transizione ecologica in Africa".

"Assicurare una ripresa inclusiva e sostenibile per le persone, le imprese e le economie di tutto il Continente Africano, in coordinamento con i nostri partner, – ha affermato Makhtar Diop, direttore generale di IFC – è il punto centrale dell'attuale mandato di sviluppo di IFC. Sappiamo che il settore privato giocherà un ruolo fondamentale in futuro nel finanziare lo sviluppo dell'Africa, attraverso la creazione di milioni di posti di lavoro che sono essenziali per assicurare crescita economica sostenuta e riduzione della povertà. Accogliamo pertanto con favore questa importante partnership e siamo fieri di collaborare con i nostri partner, per contribuire a creare le condizioni più propizie affinché siano incrementati gli investimenti privati in Africa".

"Una più stretta collaborazione tra le Development Finance Institutions e le istituzioni finanziarie multilaterali – ha dichiarato Dario Scannapieco, amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti – è un fattore essenziale per promuovere la ripresa e la crescita economica sostenibili dell'Africa. CDP intende contribuire a questa partnership strategica, supportando il Continente Africano nello sviluppo del proprio settore privato, sia imprenditoriale sia finanziario, con l'obiettivo di sbloccare il suo straordinario potenziale".

"Le economie africane – ha sottolineato Nick O'Donohoe, amministratore delegato del Gruppo CDC – hanno urgente bisogno del capitale paziente messo a disposizione dalle DFI, per iniziare al più presto la ricostruzione dopo l'impatto della pandemia. CDC è impegnata a costruire partnership di lungo termine per investire in Africa, alimentando la crescita sostenibile del settore privato in linea con i Sustainable Development Goals(SDG) delle Nazioni Unite".

Ciascuna DFI – spiega la nota – segue i propri criteri d'investimento, definiti sulla base dei fabbisogni dei beneficiari e finalizzati a produrre un impatto in termini di sviluppo sostenibile nei diversi settori in cui operano. Le DFI svolgono un ruolo importante di supporto allo sviluppo di nuovi mercati, per mitigare il rischio e facilitare l'ingresso di altri investitori in tali mercati. Le DFI dei Paesi appartenenti al G7 sono CDC (Regno Unito), CDP (Italia), DEG (Germania), DFC (USA), FinDev Canada (Canada), JICA e JBIC (Giappone) e Proparco (Francia). Questo impegno è supportato anche da IFC, African Development Bank, Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo e Banca Europea per gli Investimenti.

Dal 2016, CDP ha assunto il ruolo di Istituzione Finanziaria per la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo, con l'obiettivo di promuovere la crescita sostenibile su scala globale. In questa veste, CDP svolge attività di finanziamento in Africa su diversi settori e temi, al fine di promuovere una crescita verde, sostenibile e inclusiva nel Continente. Inoltre, nell'ambito dell'External Investment Plan della Commissione Europea, CDP gestisce – in partnership con altre istituzioni finanziarie – tre programmi d'investimento dedicati all'Africa, per favorire l'inclusione finanziaria delle microimprese ("InclusiFI"), l'accesso ai mercati dei capitali per le piccole e medie imprese più dinamiche ("Archipelagos") e lo sviluppo di progetti nel campo delle energie rinnovabili ("EGRE").

© RIPRODUZIONE RISERVATA