Cassa Centrale Banca, Salvetta: "Sostenibilità è parte del nostro Dna"

Cassa Centrale Banca, Salvetta: "Sostenibilità è parte del nostro Dna"
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Settembre 2021, 19:00

(Teleborsa) - "Anche quest'anno i numeri confermano essere vincente la nostra strategia. Prestiamo da sempre una grande attenzione alle tematiche etiche, favorendo uno sviluppo dell'economia dei territori in cui operiamo e oltre alla formazione dei nostri collaboratori, puntiamo molto sulla crescita di consapevolezza dei nostri Soci e dei clienti delle Banche del Gruppo". È quanto ha affermato Enrico Salvetta, vicedirettore generale vicario e direttore Finanza di Cassa Centrale Banca, in occasione della conferenza dal titolo "TREND SDG: anticipare un mondo migliore", organizzata dal Gruppo Cassa Centrale nell'ambito della prima giornata del Salone del Risparmio 2021 che ha preso il via oggi al Mico di Milano. Al centro i Sustainable Development Goals, i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile promossi dall'Agenda 2030 dell'Onu, e il modo in cui la finanza e l'impresa affrontano i cambiamenti epocali che sta vivendo il nostro mondo.



Nel suo intervento al Salone del Risparmio 2021 ha affermato che il Gruppo Cassa Centrale ha anticipato i trend SDG. In che modo?

"Parlare di sostenibilità fa parte del nostro Dna. Rappresentiamo l'elemento nuovo sul panorama finanziario ma siamo portatori di una storia antica fatta di solidarietà, di territorio, di capacità di stare sul mercato, di governance gestita da più persone. La responsabilità è, dunque, un tema caro e tipico del Credito cooperativo".

Attualmente che posto occupa, per voi, la finanza sostenibile?

"Il 40% dei nostri attivi sono già sostenibili. Tutte le gestioni patrimoniali, che ammontano quasi a 11 miliardi, sono gestite con criteri sostenibili. C'è anche l'idea di fare un azionariato attivo coinvolgendo soprattutto le società interessate dal PNRR. Stiamo facendo anche qualcosa di innovativo che nei prossimi mesi farà capire che Cassa Centrale c'è, non soltanto nel mondo degli impieghi, ma anche nel mondo della finanza. Questo con l'obiettivo di capire bene come si stanno trasformando le società rispetto alle esigenze che ci impone il futuro".

C'è un messaggio che volete lanciare dal Salone del Risparmio di Milano alle altre banche?

"Diventate tutte più simili a noi: banche di territorio che curano bene gli interessi delle persone".

© RIPRODUZIONE RISERVATA