Cartelle esattoriali sotto i mille euro, arriva la tregua fiscale. Ecco come funziona la rottamazione

Le cartelle esattoriali consegnate dall’agente della riscossione dopo il 1° gennaio 2016, invece, andranno pagate interamente

Cartelle esattoriali sotto i mille euro, arriva la tregua fiscale. Ecco come funziona la rottamazione
4 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Novembre 2022, 20:00 - Ultimo aggiornamento: 22:45

Arriva la tregua fiscale per le cartelle esattoriali fino a mille euro, consegnate dall’agente della riscossione fino al 2015. Nel testo, che dovrà essere approvato da Camera e Senato e poi spedito a Bruxelles entro il 30 novembre, si legge infatti: «Sono automaticamente annullati, alla data del 31 gennaio 2023, i debiti di importo residuo, fino a mille euro, comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2015».

Legge di bilancio 2023, per l'assegno unico aumenti da gennaio: più pesanti per chi ha figli.

Rottamazione delle cartelle fino a mille euro, come funziona

Il governo ha deciso di rottamare tutte le cartelle esattoriali con importi fino a mille euro, consegnate all’agente della riscossione dal 2010 al 31 dicembre 2015. A partire dal primo gennaio 2023 queste pendenze saranno stralciate insieme a interessi e sanzioni.

Quali cartelle andranno pagate?

Le cartelle esattoriali consegnate dall’agente della riscossione dopo il 1° gennaio 2016 andranno pagate interamente, ma senza sanzioni, aggi e interessi. Anche in questo caso, il debito sarà possibile saldarlo in cinque anni.

Pagamenti non effettuati durante il Covid (2021)?

Il governo ha deciso di dare un aiuto a chi ha presentato la dichiarazione dei redditi nel 2021 ma non è riuscito a pagare tutte le tasse, magari per via dell’emergenza legata al Covid. In questo caso la sanzione per il pagamento in ritardo è solo del 3%, con la possibilità di saldare rateizzando in un arco temporale massimo di 5 anni.

Cosa succede alle pendenze che non sono ancora cartelle (2022)?

Gli atti del Fisco che ancora non sono diventati una cartella esattoriale, ma che hanno giù superato le scadenze ordinarie di pagamento, avranno una sanzione del 5% e possibilità di rateizzazione in 5 anni. La stessa cosa vale per le cartelle non ancora oggetto di contenzioso. Nel caso però si sia già ricevuto un avviso bonario con cui il Fisco avverte il contribuente che vi sono scostamenti tra quanto dichiarato e quanto versato nel biennio Covid 2019-2020, la sanzione dal 5% scende al 3%, mentre la rateizzazione potrebbe scendere dai 5 ai 2 anni.

Qual è la sanzione per gli evasori ravveduti? E per la conciliazione?

Per chi ha evaso il fisco, dichiarando meno di quello che avrebbe dovuto, sono stati previsti due casi. «Se il Fisco ancora non ha contestato l’evasione, diamo la possibilità di un “ravvedimento operoso” più graduale: si paga tutto il dovuto ma con più tempo, in due anni e con una sanzione del 5%», ha spiegato al Corriere il viceministro Leo. «Se invece l’evasione è già stata contestata, il contribuente può pagare a rate, in cinque anni, e con una sanzione del 5%, oppure, se pensa che il fisco sia in errore, può ricorrere all’accertamento con adesione, apre cioè una trattativa col Fisco per ridurre l’importo dovuto». Diverso, invece, nel caso di un contenzioso in corso, che può essere chiuso, a seconda dell’esito e dello stato del giudizio, «accedendo ad una conciliazione giudiziale». Per rinunciare alla lite, si può versare direttamente il 90%.

Il tetto di mille euro riguarda una o più cartelle?

Per sapere come funzionerà esattamente il meccanismo si dovrà attendere che la norma venga scritta. Non è da escludere, però, che i mille euro stralciati possano diventare di più per i contribuenti morosi. Facciamo un esempio: se l’ammontare dei mille euro si riferisse alla singola cartella, un contribuente potrebbe ritrovarsi una pendenza da 500 euro di Iva, una da 500 euro di Irap e una da 500 di Irpef e vedersi, così, stralciate cartelle per un debito totale di 1.500 euro, e naturalmente senza pagare alcuna sanzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA