Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

BTP Italia: buona la prima, raccolti 3,4 miliardi il primo giorno

BTP Italia: buona la prima, raccolti 3,4 miliardi il primo giorno
2 Minuti di Lettura
Martedì 21 Giugno 2022, 08:00
(Teleborsa) - Partenza sprint per il nuovo BTP Italia, che viene collocato dal Tesoro sul mercato MOT di Borsa Italiana dal 20 al 22 giugno al pubblico retail ed il 23 giugno agli istituzionali. Nel primo giorno di prenotazione, sono stati raccolti circa 3,4 miliardi di euro per un totale di 88mila contratti. Un quantitativo cospicuo che, se mantenuto, porterebbe gli ordinativi ad oltre 10 miliardi, avvicinando il precedente record.

L'asta recedente del BTP Italia si era tenuta nel 2020, l'anno della pandemia, che aveva visto gli investitori retail molto interessati al titolo, con prenotazioni complessive per 22 miliardi, di cui 14 miliardi dalla clientela retail e 8 miliardi dagli Istituzionali.

Questa nuova edizione poterebbe dunque eguagliare quel successo, anche per effetto dei rendimenti interessanti offerti dal nuovo titolo, in un contesto di tassi di interesse crescenti, ed alla luce dell'annunciato scudo anti-spread della BCE, che avvantaggerebbe particolarmente i BTP italiani.

Sicuramente il BTP Italia ha in sé le ragioni del suo successo, poiché è un titolo agganciato all'inflazione, una caratteristica da non sottovalutare in un contesto di inflazione che viaggia a cavallo dell'8%. In più, il BTP Italia offre, fra rendimento minimo e premio fedeltà, un ritorno piuttosto interessante.

Il MEF ha indicato nell'1,6% il tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito, ma il tasso definitivo sarà stabilito all'apertura della quarta giornata di emissione, nella mattinata di giovedì 23 giugno, e potrà essere confermato o rivisto al rialzo rispetto a quello minimo a seconda della domanda.

La caratteristica più appetibile di questa nuova emissione è il doppio premio fedeltà. Per coloro che sottoscriveranno il Titolo in questa fase e lo deterranno fino a scadenza, quindi per l'intera durata degli 8 anni, è previsto un premio fedeltà complessivo pari all'1% del capitale investito: al termine dei primi quattro anni (28 giugno 2026), il MEF corrisponderà un premio fedeltà intermedio pari allo 0,4% del capitale nominale acquistato non rivalutato; alla scadenza del titolo (28 giugno 2030), agli investitori retail che hanno continuato a detenere il titolo, sarà corrisposto un premio finale pari allo 0,6% del capitale nominale sottoscritto non rivalutato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA