Brillante Piazza Affari che supera gli Eurolistini

Venerdì 24 Maggio 2019
(Teleborsa) - Giornata di acquisti a Piazza Affari, che sovraperforma le altre borse europee. A scatenare il rimbalzo la posizione più "morbida" del presidente americano Trump sulla guerra commerciale con la Cina.

L'Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,12. L'Oro, in aumento (+0,77%), raggiunge 1.283 dollari l'oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) crolla del 5,71%, scendendo fino a 57,91 dollari per barile.

Migliora lo spread (differenziale tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco), scendendo a +267 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,55%.

Nello scenario borsistico europeo bene Francoforte, che segna un rialzo dello 0,49%, moderatamente positiva Londra, che sale di un frazionale +0,65% nonostante l'annuncio delle dimissioni di Theresa May, in denaro Parigi, che riflette un moderato aumento dello 0,67%.

A Piazza Affari, il FTSE MIB ha terminato la giornata con un aumento dell'1,19%, a 20.376 punti; sulla stessa linea, giornata di guadagni per il FTSE Italia All-Share, che termina la giornata a 22.297 punti. Positivo il FTSE Italia Mid Cap (+0,96%); senza direzione il FTSE Italia Star (-0,01%).

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna a Piazza Affari è stato pari a 2,32 miliardi di euro, con un incremento di ben 512,4 milioni di euro, pari al 28,40%, rispetto ai precedenti 1,8 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,65 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,81 miliardi.

Su 219 titoli scambiati sulla borsa di Milano, 60 azioni hanno chiuso in territorio negativo, mentre 143 azioni hanno portato a casa un rialzo. Invariate le altre 16 azioni del listino milanese.

Si distinguono a Piazza Affari i settori viaggi e intrattenimento (+2,20%), assicurativo (+2,15%) e utility (+1,96%).

Nel listino, le peggiori performance sono state quelle dei settori materie prime (-1,19%), telecomunicazioni (-1,12%) e vendite al dettaglio (-0,49%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, incandescente Unipol, che vanta un incisivo incremento del 4,16%.

In primo piano A2A, che mostra un forte aumento del 2,84%.

Decolla CNH Industrial, con un importante progresso del 2,83% sulla notizia del buyback.

In evidenza UnipolSai, che mostra un forte incremento del 2,83%.

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Amplifon, che ha archiviato la seduta a -2,94%.

Scivola Tenaris, con un netto svantaggio dell'1,21%.

Giornata fiacca per Telecom Italia, che segna un calo dello 0,95%.

Piccola perdita per Diasorin, che scambia con un -0,77%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, CIR (+6,52%), Maire Tecnimont (+4,43%), Falck Renewables (+3,52%) e Technogym (+3,00%).

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Biesse, che ha terminato le contrattazioni a -3,90%.

In rosso Inwit, che evidenzia un deciso ribasso dell'1,71%.

Spicca la prestazione negativa di MARR, che scende dell'1,65%.

Anima Holding scende dell'1,28%. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Calimero e la gabbianara della Balduina

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma