BRI: "Il climate change causerà la prossima devastante crisi economica"

Martedì 21 Gennaio 2020
(Teleborsa) - Il climate change causerà la prossima crisi economica sistemica che sarà devastante e più difficile da gestire di quelle affrontate finora.

A lanciare l'allarme è la Banca regolamenti internazionali, istituzione regolatoria di supporto per le banche centrali mondiali e per il Financial Stability board, nel suo ultimo rapporto "Cigno verde. Cambiamenti climatici e stabilità del sistema finanziario: quale ruolo per banche centrali, regolatori e supervisori", a firma del vice dg Luiz Awazu Pereira de Silva, Patrick Bolton, Morgan Després, Frédéric Samama e Romain Svartzman.

Lo studio si richiama al "cigno nero", come viene definito un evento raro e non prevedibile con i modelli di analisi tradizionali (basati sulle serie storiche) nel noto saggio "Black Swan" dell'ex trader Nassim Nicholas Taleb, uscito all'epoca della crisi del 2007.

Rispetto al primigenio "evento raro", il cigno verde del rapporto avrà effetti ancora più devastanti perché peggiorati dalla concomitanza di diversi fattori. Tra questi, si sottolinea come le catastrofi naturali nate dal cambiamento climatico siano molto più pericolose delle crisi sistemiche perché mettono a serio rischio la sopravvivenza dell'umanità.

Inoltre, la crisi derivante dai cambiamenti climatici è molto più complessa da gestire rispetto a quelle vissute fino adesso perché può "generare dinamiche ambientali, geopolitiche, sociali ed economiche fondamentalmente imprevedibili".

I cigni verdi dunque sono doppiamente pericolosi anche perché non prevedibili con i tradizionali modelli basati sulle serie storiche, cosa che richiederà la realizzazione di nuovi modelli basati su scenari predittivi che tengano conto anche delle reazioni a catena.

Da qui il rischio per le banche centrali che "possono essere trascinate inevitabilmente in acque inesplorate" soprattutto "se restano ferme e aspettano che altre autorità governative si muovano".

Non essendo "più in grado di raggiungere l'obiettivo di assicurare la stabilità finanziaria e dei prezzi", potrebbero "essere forzate a intervenire come salvatori di ultima istanza del clima ed essere costrette ad acquistare su grande scala asset svalutati per salvare il sistema finanziario e anche oltre".

Gli istituti centrali, insiste lo studio, devono quindi farsi soggetti attivi del cambiamenti di policy con un maggiore coordinamento su scala globale per sollecitare governi, aziende, società civile e comunità internazionale ad agire con strumenti sistemici per evitare o almeno frenare il climate change. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma