Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Brexit, allarme Coldiretti: senza accordo Made in Italy a rischio

Brexit, allarme Coldiretti: senza accordo Made in Italy a rischio
1 Minuto di Lettura
Venerdì 7 Febbraio 2020, 18:15

(Teleborsa) - Non solo Prosecco, senza accordo sulle regole con l'Unione Europea la Gran Bretagna rischia di diventare il porto franco del falso Made in Italy in Europa per la mancata tutela giuridica dei marchi dei prodotti italiani a indicazioni geografica e di qualità (Dop/Igp) che rappresentano circa il 30% sul totale dell'export agroalimentare tricolore. E' l'allarme Coldiretti in riferimento al distributore automatico di calici di prosecco ("Automatic prosecco machine Apm), installato a Londra su iniziativa di una vineria della capitale, Vagabond Wines, in un punto della città in cui fino a qualche tempo fa c'era proprio la macchina erogatrice di contanti di una banca.

"Gli acquisti di prosecco in Gran Bretagna - sottolinea Coldiretti - sono aumentati dell'11% nel 2019 per un valore stimato in 350 milioni di euro, con gli inglesi che sono i principali consumatori mondiali delle pregiate bollicine. Si tratta purtroppo solo di una anticipazione di quello che potrebbe capitare se il Made in Italy restasse senza protezione europea con il rischio delle diffusione di pratiche ed imitazioni senza controllo come dimostrano le vertenze UE del passato nei confronti della Gran Bretagna con i casi della vendita di falso prosecco alla spina o in lattina fino ai kit per produrre in casa finti Barolo e Valpolicella".

© RIPRODUZIONE RISERVATA