SPREAD

Chiusura positiva per le Borse europee, la migliore è stata Piazza Affari

Martedì 12 Novembre 2019
Seduta tonica e chiusura in rialzo per le Borse europee (Parigi +0,44%, Francoforte +0,65% e Londra +0,7%), con Milano (+1,2%) prima della classe e ai massimi da maggio 2018, sostenuta dal calo dello spread (155 punti, dai 159 di ieri e l'apertura a 161) e dal buon andamento di bancari e titoli del risparmio. In controtendenza solo Madrid (-0,8%), che ha virato in rosso dopo che il leader socialista e premier in carica, Pedro Sanchez, e il capo di Podemos, Pablo Iglesias, hanno raggiunto un pre-accordo per formare insieme un governo di coalizione dopo le ultime elezioni politiche.

Gli occhi degli investitori sono rimasti comunque puntati sulla guerra commerciale, in attesa del discorso del presidente Donald Trump, tra mezz'ora circa, che potrebbe dare indicazioni: secondo la stampa Usa potrebbe annunciare un rinvio di sei mesi della decisione sull'imposizione di tariffe sulle importazioni di auto dall'Europa.

A Piazza Affari la migliore è stata Ubi Banca (+2,7%), in recupero dopo i cali precedenti. Secondo gli analisti di Equita è il candidato principale per una fusione con Bper Banca (+0,7%). A passo rapido anche Finecobank (+2,6%) e St (+2,2%), che, come tutto il comparto europeo dei chip, ha tratto vantaggio dai dati sopra le stime della rivale tedesca Infineon. Sotto i riflettori Mediobanca (+2%) che, all'indomani della conferma dell'incremento della quota di Del Vecchio poco sotto il 10%, ha presentato il piano al 2023, secondo gli analisti positivo e con target sostanzialmente in linea con le stime.  Ultimo aggiornamento: 18:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma